Come si cura la timidezza

timidezza

L’identificazione precoce della timidezza caratteriale (dovuta in gran parte a componenti genetiche) è importante perché in questo modo genitori e insegnanti possono intervenire in tempo, creando intorno al bambino timido un ambiente adatto per favorire la sua socializzazione.

Insegnare le competenze sociali (o Social Skill Training, SST) è uno dei trattamenti più ampiamente usati per imparare a gestire la timidezza e per evitare il ritiro sociale del timido, bambino o adulto. Attraverso questa forma di terapia comportamentale si mettono a punto comportamenti verbali e non verbali, da utilizzare nelle interazioni sociali. La terapia ingloba vari approcci, quali il modeling, il coaching, il role-playing, il debriefing e il rafforzamento delle interazioni positive.

La terapia cognitivo-comportamentale (CBT) è l’approccio non farmacologico più studiato per il trattamento della timidezza e della fobia sociale. Questa terapia mira a modificare i pensieri negativi attraverso la ristrutturazione cognitiva, la terapia dell’esposizione (immaginativa e in vivo), l’informazione e il training di rilassamento. Nella ristrutturazione cognitiva viene messa in discussione la validità delle credenze irrazionali delle persone, per giungere alla sostituzione di queste con pensieri e credenze più aderenti alla realtà. La terapia di esposizione permette ai soggetti di impegnarsi in esperienze che mirano a confutare le credenze irrealistiche causate da eccessiva ansia. Numerosi studi hanno dimostrato l’efficacia degli approcci di psicoterapia cognitivo comportamentale (individuale e di gruppo) per il trattamento della timidezza e dell’ansia.

Anche altri approcci, come la meditazione mindfulness, sono capaci di ridurre l’ansia nelle relazioni sociali. Sono trattamenti che utilizzano la consapevolezza, l’accettazione e  varie tecniche comportamentali per facilitare il cambiamento cognitivo e comportamentale, in coerenza con i propri valori personali. Si fa uso anche di tecniche di rilassamento attraverso la respirazione ed esercizi di consapevolezza. Anche questi approcci aiutano a ridurre l’ansia sociale.

Dato che la comunicazione sociale è fortemente influenzata dalla timidezza, l’uso di Internet è diventato di recente un punto di riferimento per gli interventi su persone caratterialmente timide. Computer e Internet forniscono ai soggetti più timidi un modo alternativo di comunicazione che può provocare minore ansia nell’interazione con un’altra persona. Attraverso la comunicazione mediata dal computer è possibile esprimere aspetti della propria personalità e del proprio comportamento che sarebbero difficili in un incontro faccia-a-faccia. Questi interventi possono essere molto utili per sviluppare le competenze sociali e le relazioni interpersonali.

Dr. Walter La Gatta

Dr. Walter La Gatta
Social

Dr. Walter La Gatta

Psicoterapeuta Sessuologo at Ellepi Associati Ancona - Terni
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui
Dr. Walter La Gatta
Social

Latest posts by Dr. Walter La Gatta (see all)

About Dr. Walter La Gatta

Si occupa di: . Psicoterapie individuali e di coppia . Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia) . Tecniche di Rilassamento e Ipnosi . Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali. E' responsabile del sito www.clinicadellatimidezza.it Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *