Il pensiero critico è meglio del QI nelle questioni pratiche della vita

pensiero critico

L’importanza del pensiero critico

Per condurre una buona vita, dobbiamo prendere delle buone decisioni: gestire la nostra salute, il denaro, i rapporti sociali e familiari, evitare di subire ingiustizie, eccetera.  Come si fa a fare tutto questo? In primis con l’intelligenza: le persone che hanno un punteggio più alto nei test di intelligenza riescono molto meglio negli studi e sono dunque più preparate ed informate sui fatti della vita. Tuttavia non basta essere una persona di buona cultura per evitare di compiere degli errori di valutazione.

Un nuovo articolo della rivista Thinking Skills and Creativity esamina l’utilità del QI nella gestione dell’esistenza e indica un’altra capacità mentale che potrebbe essere ancora più importante: il pensiero critico.

Infatti, mentre il QI è una misura delle potenzialità mentali di cui è dotato l’essere umano per gestire contenuti astratti, “il pensiero critico”  è la capacità di esprimere giudizi su fatti concreti, senza lasciarsi trasportare dalle emozioni, positive o negative.

Heather Butler della California State University e il suo team hanno chiesto ai 244 partecipanti al loro studio (studenti e adulti reclutati online) di completare anzitutto dei test, allo scopo di valutare QI e abilità di pensiero critico.

Il test di intelligenza riguardava test di memoria, elaborazione visiva e ragionamento quantitativo.
La valutazione del pensiero critico ha coinvolto invece i partecipanti nel valutare azioni da compiere in scenari ipotetici, anche considerando la rilevanza delle informazioni contestuali che si potevano ottenere e che potevano avere un peso nelle decisioni.

Per esempio, una tipica domanda per valutare il pensiero critico è stata chiedere ai partecipanti di spiegare se volevano o no che la scuola materna fosse resa obbligatoria per tutti i bambini, dal momento che la ricerca ha dimostrato che i bambini che frequentano la scuola materna hanno maggiori probabilità di eccellere a scuola (si noti che questa domanda specifica non è stata utilizzata nel test) .

Il pensiero critico consiste nel riconoscere che la correlazione non è causale, ma anche riflettere su altre possibili spiegazioni o informazioni utili, come la possibile disparità di reddito tra i genitori che mandano i propri figli alla scuola materna e quelli che non ce li mandano.

Il pensiero critico si è rivelato correlato con il QI, ma moderatamente (.38). Nello studio, i partecipanti hanno dovuto rispondere come hanno risolto o avrebbero risolto problemi lievi (riportare in ritardo un video preso a noleggio) o più gravi (rischiare di acquisire una malattia a trasmissione sessuale).

I dati mostrarono che gli individui con QI più elevato hanno fatto meglio degli altri. Tuttavia, avere un pensiero critico elevato è risultato essere ancor più fortemente associato a questi risultati pratici del mondo reale. Pertanto, anche coloro che hanno un QI modesto possono comportarsi con saggezza nella vita ,e viceversa, avere un alto QI non significa sempre avere anche quel senso pratico che permette di prendere decisioni con saggezza.

Il pensiero critico non è un modo di guardare il mondo, o un kit di strumenti da utilizzare nei momenti importanti. Come si può dunque cercare di instillare questo stile del pensiero nelle persone, perché possano cavarsela meglio nella vita?

Alcuni ricercatori sono molto pessimisti sui vantaggi dell’educazione formale per quanto riguarda il pensiero critico, e sebbene una recente meta-analisi abbia suggerito che la durata degli studi produce miglioramenti nel pensiero critico, essa non è stata in grado di identificare da dove provenivano le competenze. C’è sempre il dubbio, infatti, che le persone che più studiano vengano da ambienti avvantaggiati, e per questo siano più intelligenti e più capaci.

Il messaggio da portare a casa è comunque questo: la saggezza, nelle decisioni importanti della vita, conta più dell’intelligenza. E per diventare saggi a volte basta semplicemente vivere (e imparare).

Dr. Walter La Gatta

Fonte:

Predicting Real-World Outcomes: Critical Thinking Ability is a Better Predictor of Life Decisions than Intelligence, Science Direct, via BPS

Immagine:
Pexels

Mix

sessuofobia

Sessuofobia, o Fobia Sessuale

Introduzione La maggior parte delle persone è un po' inibita e impacciata nei rapporti sessuali, specie se non ha molta ...
Leggi Tutto

Training Autogeno

HAI DECISO DI APPRENDERE IL TRAINING AUTOGENO? PRENDI IN CONSIDERAZIONE IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
terapia cognitivo comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale e le aspettative del paziente

Quando un paziente decide di intraprendere un percorso di psicoterapia ha solo l'imbarazzo della scelta. Vi sono infatti almeno un ...
Leggi Tutto
psicopatici e sociopatici

Psicopatico e Sociopatico: che differenza c’è?

Potresti aver sentito persone definire qualcun altro uno "psicopatico" o "sociopatico". Ma cosa significano veramente queste parole? Questi termini sono ...
Leggi Tutto
terapia per l'ansia sociale

Terapia per l’ansia sociale

STAI CERCANDO UN TERAPEUTA PER PROBLEMI DI ANSIA SOCIALE? Prendi in considerazione il nostro Studio Ancona, Terni, Civitanova Marche Per ...
Leggi Tutto
das disturbo d'ansia sociale

Il disturbo di ansia sociale (o fobia sociale)

Introduzione al Disturbo di Ansia Sociale Il disturbo d'ansia sociale, chiamato anche "fobia sociale", è un disturbo d'ansia che riguarda ...
Leggi Tutto
ansia e timidezza

Ansia e timidezza sono diverse: come affrontarle per vivere meglio

Tutte le persone timide devono affrontare dei sintomi come il rossore, le palpitazioni, i tremori, la voce tremante, quando si ...
Leggi Tutto
mutismo selettivo

Mutismo selettivo o mutismo elettivo

Mutismo Selettivo o Mutismo Elettivo? In passato questo disturbo è stato chiamato "mutismo elettivo", perché si riteneva  vi fosse una ...
Leggi Tutto
inibizione

L’inibizione: significati psicologici

Inibizione e Timidezza L'inibizione è una componente della timidezza, dell'ansia e della depressione: si manifesta infatti attraverso un atteggiamento caratterizzato da insicurezza, ...
Leggi Tutto
Linguaggio del corpo, body language

Conoscere il linguaggio del corpo e sentirsi più sicuri di sé

Cosa significa linguaggio del corpo? Come tutti sappiamo, gli esseri umani non si esprimono solo attraverso le parole, ma anche ...
Leggi Tutto
arrossire

Paura di arrossire: curarla iniziando dal conoscerla

Per molte persone arrossire può essere un'esperienza molto sgradevole, tanto temuta, al punto di diventare una paura ossessiva, una fobia: ...
Leggi Tutto
Derealizzazione e depersonalizzazione

Attacchi di panico: depersonalizzazione e derealizzazione

SOFFRI DI ATTACCHI DI PANICO? SCEGLI IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE PER RISOLVERE QUESTO PROBLEMA ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
timidezza

Timidezza e Ansia sociale: curarsi con la psicoterapia

CERCHI UNO PSICOLOGO/ UNA PSICOLOGA PER PROBLEMI DI TIMIDEZZA? SIAMO A ANCONA, TERNI, CIVITANOVA MARCHE E OVUNQUE, VIA SKYPE Quanto ...
Leggi Tutto

Ipnosi e Autoipnosi

Ipnosi: a cosa serve? Può essere un utile strumento terapeutico, ad esempio per superare gli effetti della timidezza, di una ...
Leggi Tutto
situazioni sociali

Come superare l’ansia sociale

SUGGERIMENTI PER CURARE L'ANSIA SOCIALE Per chi soffre di ansia sociale, qualsiasi attività che riguardi lo stare nei luoghi pubblici, ...
Leggi Tutto
come si cura la timidezza

Come si cura la timidezza

L'identificazione precoce della timidezza caratteriale (dovuta in gran parte a componenti genetiche) è importante perché in questo modo genitori e ...
Leggi Tutto

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un commento

Condivisioni