La mia vita nei dettagli – Consulenza on Line

vita nei dettagliVi spieghero’ dettagliatamente (cdt: molti dettagli sono stati omessi, per tutelare la privacy del nostro lettore) tutta la mia vita perchè di Voi mi fido anche se non Vi conosco di persona. Sono depresso da novembre … e le date sono molto importanti. Con mia madre ho sempre avuto un rapporto direi morboso, fin da piccolo mi ha portato da mille dottori perchè secondo lei avevo qualsiasi malattia che esiste al mondo, dovevo secondo lei portare la macchinetta per i denti anche se tutti i dentisti che mi hanno visitato dicessero il contrario e infatti non l’ho mai portata, dovevo portare il busto ortopedico e tutti i dottori mi dicevano di no. Verso i 15 anni mi sono accorto confrontandomi con i miei coetanei visti sotto la doccia dopo aver giocato a calcio di avere un problema nelle dimensioni delle mie parti intime e mi sono fatto mille problemi, quando l’ho riferito a mia madre mi ha portato da mille specialisti e psicologi sessuologi e tutti mi hanno detto di essere normale però mi hanno imbottito di ormoni che non sono serviti a niente. Mio padre che ho visto sempre poco perchè sempre al lavoro non mi ha mai seguito tanto in queste cose, io sono sempre stato vicino a mia madre che mi portava dappertutto sempre insieme, anche quando sono andato a fare delle analisi molto imbarazzanti come quelle dello sperma mio padre non c’era. Mio padre è sempre stato esaltato da mia madre per tutto quello che ha fatto nella vita per il personaggio di successo che è diventato e io ci stavo male perchè le dicevo di tirarlo giù dal piedistallo in cui l’ha messo. Quando avevo 13 anni ho subito un abuso psicologico da parte di … di 30 anni che voleva avere un rapporto omosessuale con me, io non l’ho mai detto a mia madre e me lo sono tenuto dentro sempre. A 21 anni ho avuto la mia prima esperienza sessuale con una ragazza più giovane di me e ne ero innamoratissimo ma ai miei genitori non andava bene, lei dopo due anni mi ha lasciato e io sono stato malissimo ma i miei genitori e questo l’ho scoperto dopo qualche anno hanno brindato quando lei mi ha mollato.Io sono cresciuto fin da piccolo con i miei genitori che mi dicevano che dovevo sposarmi con una donna ricca che solo così sarei stato bene io ero attratto dalle ragazze ma e come se dovessi vedere se avevano soldi prima di provarci. Dopo 4 mesi che ero stato mollato mi sono messo insieme con una ragazza … che è molto ricca economicamente ma soprattutto ero certo che sarebbe andata bene a mia madre. Per questa ragazza non sentivo nessuna emozione, Siamo stati insieme per 4 anni. Questa ragazza non ha mai lavorato in vita sua e anzi mi diceva di sbrigarmi a laurearmi perchè così mi avrebbe fatto diventare … e lei sarebbe rimasta a casa. Io questo non lo volevo ma per la tranquillità che regnava in casa mia sono andato avanti così sempre con il pensiero che sarebbe arrivata un’altra persona nella mia vita. Un giorno ho conosciuto mia moglie ed è stato come far vedere la luce a un cieco un’emozione incredibile. Lei non proviene da una famiglia benestante ma di gente che ha sempre lavorato, lei si è laureata in … nei tempi giusti e siccome i suoi non avevano i soldi per farla studiare e d’estate Lei andava a lavorare … per potersi pagare l’università. Io verso mia moglie sono stato attratto fin da subito ed ancora adesso al solo pensiero mi tremano le gambe mi batte forte il cuore e mi sento emozionato con lei mi sono sentito me stesso accettato incondizionatamente con i miei pregi e i miei difetti non dovevo mascherarmi come facevo prima. Mia madre non voleva che stessi insieme con questa ragazza e ha fatto di tutto perchè la lasciassi ma ho tirato fuori gli attributi e ho vinto io. Dopo 1 anno e mezzo ci siamo sposati con grandi litigi in casa dei miei. ma io ho preso la decisione giusta perché l’ho visto come sarebbe stato il mio futuro con lei. Ci siamo sposati nel … è sempre andato tutto bene, mia moglie è rimasta incinta dopo circa sei mesi ma ha perso il bambino poco dopo per un aborto spontaneo. Dopo un anno ci abbiamo riprovato ed è nata la nostra prima bambina. quando mia moglie era in attesa ho avuto un problema di salute per un … e ho subito … sei interventi … L’ultima operazione l’ho subita …. Ho cominciato a fare pensieri strani, tipo e se … sarei un peso per la famiglia, forse mia moglie si stuferebbe e se ne andrebbe e come farò se non mi danno la patente il tutto proprio quando la mia seconda bambina era nata da qualche mese e io mi sentivo inutile e non riuscivo ad aiutare mia moglie. Quando questi pensieri sono passati ne sono arrivati degli altri questa volta su mia moglie , tipo e se non fosse la persona giusta ma se avessi ascoltato i miei genitori come sarei stato (di sicuro male) tutti questi pensieri mi deprimono soprattutto perchè sento per mia moglie un amore che non avevo mai provato nella mia vita e anche adesso adesso mi fa piangere dalla gioia di aver trovato questa persona. Ma sono depresso al punto da essere arrivato vicino al suicidio per tre volte. A luglio mi sono deciso per la prima volta ad andare da una psicologa e da uno psichiatra che mi ha ordinato degli antidepressivi. In queste sedute è emerso che sono depresso perchè ho paura di far del male a mia madre avendole ” DISUBBIDITO” ma io non posso essere come lei mi vuole la mia vita è questa con mia moglie e le mie figlie perchè è la vita che ho sempre voluto vivere, però mi sento depresso ho comportamenti autolesionistici
quando mi vengono di questi pensieri su mia moglie e sulle mie figlie. Penso anche che mia madre mi controlli inconsciamente e che mi tolga la mia famiglia per mettere al posto di mia moglie una persona che vada bene a Lei, ma io non posso essere felice come vuole lei.Vi prego aiutatemi, la depressione può portare a fare dei pensieri così stupidi che fino all’insorgenza della malattia non si erano mai fatti anzi i pensieri che ho sempre avuto sono stati l’esatto contrario e sono sempre stato molto sicuro di quello che volevo fare e di dove stavo andando. La prego rispondetemi. Forse non sono riuscito ancora a superare il lutto della perdita… voi cosa ne pensate. Aiuto.
Roby

Caro Roby,
Grazie anzitutto per la lunga lettera e per la fiducia che ripone nel nostro lavoro.
Le rispondo volentieri, ma non con l’intento di poter in qualche modo trattare il suo stato depressivo. Bene ha fatto, in questo caso, a rivolgersi ai colleghi che mi indica nella lettera: il poco tempo di psicoterapia che lei ha potuto fare però, da luglio ad oggi, non è chiaramente sufficiente per portare in superficie tutti i nodi relativi al suo sviluppo psico-affettivo, ai sensi di colpa e di inadeguatezza, alle esperienze di violenza, psicologica e fisica che ha dovuto subire. Come lei dice, a volte quando si è depressi non si riesce a guardare alle cose con un pensiero razionale e con spirito positivo, per cui si tende a ingigantire i problemi, a pensare ossessivamente alle stesse cose ed i pensieri si avvitano su sé stessi, senza mai giungere a trovare delle soluzioni.
Si dia del tempo; tutto quello che mi ha raccontato nella lettera ha impiegato diversi decenni per accadere e dunque non può pensare che in pochi mesi si riesca a trovare il bandolo della matassa, a fare chiarezza su quanto finora l’ha accompagnata nel suo percorso di vita, senza giungere mai completamente a coscienza. Al di là di questo tuttavia, vorrei dire che capire il passato è importante, così come rielaborare con mente adulta le figure ed i comportamenti dei suoi genitori, ma la sua vita è qui, adesso, è con sua moglie, con le sue figlie, ed è con loro, per loro, che lei deve pensare al suo futuro, cercando di essere un buon marito e un buon padre, vivendo a pieno la sua vita e la sua maturità, come è nei suoi e nei loro diritti.
Continui dunque ad impegnarsi nella psicoterapia, ma cerchi anche di distrarsi, cerchi di fare dei progetti per il futuro, non pensi a lei, ma all’impegno morale e materiale che lei ha verso queste figlie e trovi in questo il coraggio di resistere e di guarire.
Ce la farà: ogni tunnel ha un’entrata e un’uscita… L’importante è continuare ad andare avanti.
Cordiali saluti.

Dr.ssa Giuliana Proietti
Clinica della Timidezza

Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

Psicoterapeuta Sessuologa at Ellepi Associati | Ancona - Terni
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali.

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona

Biografia completa della Dr. Giuliana Proietti: qui

Tweets di @gproietti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Giuliana Proietti (see all)

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali. Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona Biografia completa della Dr. Giuliana Proietti: qui Tweets di @gproietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *