Parlare in pubblico: quale terapia?

parlare in pubblicoAlcuni ricercatori dell’Ohio hanno  coinvolto 40 adulti di età compresa tra i 18 e i 46 anni, che soffrivano di disturbo d’ansia sociale nel parlare in pubblico. Fazio e colleghi hanno misurato la loro paura e i loro atteggiamenti con diversi questionari, registrando anche la frequenza cardiaca dei partecipanti e le unità soggettive di disagio, con una scala di valutazione che andava da nessuna ansia provata ad una situazione di ansia estrema, mentre stavano tenendo un discorso in pubblico.

Nel trattamento, ad ogni partecipante venivano dati tre minuti per preparare un discorso di cinque minuti, su due argomenti scelti a caso. Essi dovevano parlare prima davanti ad un piccolo pubblico da vivo e poi di fronte a una videocamera.

I partecipanti hanno inoltre completato dei questionari, prima e dopo il trattamento che misuravano la facilità con cui i partecipanti potevano associare il concetto di “parlare in pubblico” con “cose ​​che mi piacciono” e “cose che non mi piacciono.” I ricercatori hanno utilizzato il test per misurare i cambiamenti registrati nell’atteggiamento di parlare in pubblico.

L’analisi statistica ha mostrato che, in media, la paura di tutti i partecipanti viene ridotta dopo il completamento del trattamento, ma un mese dopo, il 49,2 per cento dei partecipanti sperimenta un ritorno della paura. Perché accade tutto ciò? I ricercatori ritengono che le persone che dedicano del tempo ad un programma di trattamento per superare una fobia, vogliono anzitutto convincersi che la terapia funziona. Essi tendono inoltre a compiacere i loro terapeuti, che involontariamente fanno pressione, in attesa dei cambiamenti desiderati.

La terapia che si utilizza in genere per superare la paura di parlare in pubblico è la terapia di esposizione (nell’ambito delle terapie cognitivo-comportamentali), la quale è considerata efficace, in quanto costringe le persone con fobie a smettere di evitare tutto ciò che esse temono e permette loro di imparare che si può entrare in contatto con lo stimolo minaccioso, senza subire gravi conseguenze. Fazio e colleghi sperano di estendere questo lavoro sulla terapia di esposizione mettendo a punto degli strumenti capaci anche di combattere gli atteggiamenti negativi automatici.

Il problema infatti è che le persone imparano ad avere buone prestazioni, nonostante la loro paura, ma se per caso le cose non vanno nella direzione desiderata e dunque si ha una prestazione poco soddisfacente, si perde immediatamente la fiducia in sé stessi e torna la paura.  Ecco perché non basta imparare come si fa a parlare efficacemente in pubblico, ma occorre anche saper interpretare le sconfitte nel modo opportuno, evitando pensieri e atteggiamenti negativi.

Fonte:
Persistent negative attitude can undo effectiveness of exposure therapy for phobias, Eurekalert

Detto in altre parole: puoi lucidare la macchina, ma se non hai messo a punto il motore, è difficile che la tua macchina sembri davvero nuova e brillante.

Dr. Walter La Gatta
Immagine:
renjith krishnan, Free Digital Photos
Dr. Walter La Gatta
Social

Dr. Walter La Gatta

Psicoterapeuta Sessuologo at Ellepi Associati Ancona - Terni
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui
Dr. Walter La Gatta
Social

About Dr. Walter La Gatta

Si occupa di: . Psicoterapie individuali e di coppia . Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia) . Tecniche di Rilassamento e Ipnosi . Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali. E' responsabile del sito www.clinicadellatimidezza.it Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908 Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un Commento

Un commento

  1. Personalmente ho imparato che la paura di parlare in pubblico si vince parlando in pubblico, cioè sfruttando tutte la occasioni per parlare anche davanti a poche persone. Certo è anche necessario lavorare sulla propria personalità, coltivando pensieri e atteggiamenti positivi e bisogna predisporre delle giuste tecniche.
    Forse a quel 49,2 % tornava la paura perché stavano un mese senza più parlare in pubblico???
    Grazie per l’ottimo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *