Perché gli introversi rifiutano la leadership

introversi leader

Ci sono alcune situazioni in cui un introverso può essere la persona migliore per occupare un certo ruolo lavorativo. Per esempio, perché in certi compiti è più qualificato dei suoi coetanei estroversi. Il problema però è che in genere la maggior parte degli introversi tende a rifiutare le opportunità di leadership, anche nei ruoli informali (si chiama “emergent leadership”, o “leadership emergente” l’atteggiamento di chi, al di là delle gerarchie ufficiali, si assume una responsabilità in un gruppo spontaneamente, in quanto sente di essere la persona più indicata per farlo).

Un nuovo studio, pubblicato su Personality and Individual Differences suggerisce che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli introversi si aspettano di trovare i compiti e le situazioni di gruppo piuttosto spiacevoli,  il che li inibisce a mostrare il tipo di comportamento che sarebbe necessario per assumersi delle responsabilità nel proprio gruppo.

Andrew Spark e i suoi colleghi all’Università di Tecnologia di Queensland sostengono che potrebbe essere possibile incoraggiare gli introversi a temere di meno queste situazioni, portandoli a comprendere che non necessariamente il ruolo di leader sia occasione di stress e comunque un’esperienza sgradevole.

I risultati provengono da uno studio su quasi 200 studenti, i quali dapprima hanno completato un test di personalità e poi hanno svolto un compito di gruppo elaborato dalla NASA, che riguarda il decidere insieme le priorità per una più sicura sopravvivenza sulla luna. Prima di iniziare l’attività di gruppo, gli studenti hanno valutato quanto trovavano questo compito divertente, emozionante, spaventoso o stressante. Successivamente, i partecipanti al test sono stati valutati per i loro comportamenti all’interno del gruppo, durante il compito, in base a quanto “avevano influenzato le decisioni di gruppo” o “guidato la conversazione di gruppo”.

Come previsto, gli introversi hanno mostrato di avere una minore leadership emergente rispetto agli estroversi.
Inoltre, rispetto agli estroversi, essi sono stati piuttosto condizionati dalla credenza di provare emozioni e sensazioni negative durante l’attività di gruppo. Questi due fattori sembrano correlati: quando si tiene conto solamente delle differenze nelle aspettative negative dei partecipanti, si osserva che l’introversione non è più associata a un ritiro dalla leadership emergente.

La metodologia dei ricercatori insomma non può dimostrare con chiarezza che le aspettative negative sono ciò che induce gli introversi ad astenersi dal mostrare il loro consenso ad assumere la leadership, ma i loro risultati sono coerenti con questa interpretazione.

Precedenti ricerche hanno mostrato che gli introversi trovano l’agire degli estroversi più spigliato e gradevoledi quanto loro possano fare, ma Spark e il suo team sostengono che gli introversi potrebbero imparare a godere dei comportamenti legati alla leadership più di quanto essi non credano. Infatti, se gli introversi imparassero a sviluppare strategie per prevedere una soddisfazione, e non solo uno stress, nell’assumere un comportamento di leadership emergente, essi sarebbero in condizioni di maggiore parità con gli estroversi nelle situazioni sociali rilevanti e potrebbero aspirare anche loro alla leadership, specialmente quando capiscono di essere le persone più indicate per farlo.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:
Introverts may miss leadership chances because they overstimate how stressful it will be, Research Digest

Immagine:
Pexels

Mix

sessuofobia

Sessuofobia, o Fobia Sessuale

Introduzione La maggior parte delle persone è un po' inibita e impacciata nei rapporti sessuali, specie se non ha molta ...
Leggi Tutto

Training Autogeno

HAI DECISO DI APPRENDERE IL TRAINING AUTOGENO? PRENDI IN CONSIDERAZIONE IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
terapia cognitivo comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale e le aspettative del paziente

Quando un paziente decide di intraprendere un percorso di psicoterapia ha solo l'imbarazzo della scelta. Vi sono infatti almeno un ...
Leggi Tutto
psicopatici e sociopatici

Psicopatico e Sociopatico: che differenza c’è?

Potresti aver sentito persone definire qualcun altro uno "psicopatico" o "sociopatico". Ma cosa significano veramente queste parole? Questi termini sono ...
Leggi Tutto
terapia per l'ansia sociale

Terapia per l’ansia sociale

STAI CERCANDO UN TERAPEUTA PER PROBLEMI DI ANSIA SOCIALE? Prendi in considerazione il nostro Studio Ancona, Terni, Civitanova Marche Per ...
Leggi Tutto
das disturbo d'ansia sociale

Il disturbo di ansia sociale (o fobia sociale)

Introduzione al Disturbo di Ansia Sociale Il disturbo d'ansia sociale, chiamato anche "fobia sociale", è un disturbo d'ansia che riguarda ...
Leggi Tutto
ansia e timidezza

Ansia e timidezza sono diverse: come affrontarle per vivere meglio

Tutte le persone timide devono affrontare dei sintomi come il rossore, le palpitazioni, i tremori, la voce tremante, quando si ...
Leggi Tutto
mutismo selettivo

Mutismo selettivo o mutismo elettivo

Mutismo Selettivo o Mutismo Elettivo? In passato questo disturbo è stato chiamato "mutismo elettivo", perché si riteneva  vi fosse una ...
Leggi Tutto
inibizione

L’inibizione: significati psicologici

Inibizione e Timidezza L'inibizione è una componente della timidezza, dell'ansia e della depressione: si manifesta infatti attraverso un atteggiamento caratterizzato da insicurezza, ...
Leggi Tutto
Linguaggio del corpo, body language

Conoscere il linguaggio del corpo e sentirsi più sicuri di sé

Cosa significa linguaggio del corpo? Come tutti sappiamo, gli esseri umani non si esprimono solo attraverso le parole, ma anche ...
Leggi Tutto
arrossire

Paura di arrossire: curarla iniziando dal conoscerla

Per molte persone arrossire può essere un'esperienza molto sgradevole, tanto temuta, al punto di diventare una paura ossessiva, una fobia: ...
Leggi Tutto
Derealizzazione e depersonalizzazione

Attacchi di panico: depersonalizzazione e derealizzazione

SOFFRI DI ATTACCHI DI PANICO? SCEGLI IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE PER RISOLVERE QUESTO PROBLEMA ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
timidezza

Timidezza e Ansia sociale: curarsi con la psicoterapia

CERCHI UNO PSICOLOGO/ UNA PSICOLOGA PER PROBLEMI DI TIMIDEZZA? SIAMO A ANCONA, TERNI, CIVITANOVA MARCHE E OVUNQUE, VIA SKYPE Quanto ...
Leggi Tutto

Ipnosi e Autoipnosi

Ipnosi: a cosa serve? Può essere un utile strumento terapeutico, ad esempio per superare gli effetti della timidezza, di una ...
Leggi Tutto
situazioni sociali

Come superare l’ansia sociale

SUGGERIMENTI PER CURARE L'ANSIA SOCIALE Per chi soffre di ansia sociale, qualsiasi attività che riguardi lo stare nei luoghi pubblici, ...
Leggi Tutto
come si cura la timidezza

Come si cura la timidezza

L'identificazione precoce della timidezza caratteriale (dovuta in gran parte a componenti genetiche) è importante perché in questo modo genitori e ...
Leggi Tutto

Autore:

Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali.

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona

Biografia completa della Dr. Giuliana Proietti: qui

Tweets di @gproietti

Lascia un commento

Condivisioni