Si impara per tutta la vita

imparareL’apprendimento non riguarda l’età evolutiva, ma è qualcosa che ci accompagna per tutta la vita. Gran parte delle funzioni cerebrali si attivano a partire dalla primissima infanzia (attenzione, memoria, visione, udito, capacità motorie, ecc.) in modo da poter acquisire nuove conoscenze e competenze.

L’apprendimento è un processo cognitivo dinamico che si svolge in due fasi: acquisizione di nuove informazioni e loro immagazzinamento nella memoria. Si può dire che l’apprendimento sia l’impronta lasciata nel cervello da un’esperienza vissuta. Infatti, i neuroni interessati a questa esperienza cambiano il modo in cui interagiscono tra loro: le loro connessioni (sinapsi) vengono rinforzate o indebolite.

Alcune connessioni neurali vengono infatti indebolite in favore di altre che appaiono più “utili”. E’ una sorta di potatura sinaptica, come si fa quando un  albero ha dei rami troppo ingombranti. Questo fenomeno si verifica soprattutto durante l’infanzia e l’adolescenza.

Ogni apprendimento lascia dunque nel cervello una traccia fisica e questa dinamica viene in genere definita “plasticità del cervello”, visto che esso si rimodella continuamente grazie alle esperienze vissute e ai conseguenti apprendimenti.

Questo rimodellamento è relativamente rapido, ma anche reversibile. Infatti, un team di ricercatori ha scoperto che alcune regioni del cervello nei giovani adulti presentano significativi cambiamenti strutturali dopo tre mesi di apprendimento, rispetto alle persone che non continuano nell’apprendimento, ma che come è venuto esso può anche dissolversi rapidamente.

Siamo in qualche modo “programmati” per imparare. L’organizzazione del nostro cervello è in grado di adattarsi e riconfigurare le informazioni in qualsiasi momento. Certamente, alcuni periodi della vita sono più adatti per l’ apprendimento. Per quanto riguarda l’apprendimento linguistico sembra vi sia una finestra temporale  particolarmente favorevole nel periodo dell’infanzia. Questo tuttavia non significa che gli anziani non possano imparare con facilità una seconda lingua: peraltro, non è ancora molto chiaro se effettivamente si impari meglio da giovani una seconda lingua, mentre invece è certo che il periodo infantile è favorevole per l’apprendimento della lingua materna.

Lo stesso vale per gli strumenti musicali o la pittura: la plasticità del cervello lo permette a qualsiasi età.

In una ricerca condotta presso l’Istituto Universitario di Geriatria di Montreal (Canada), i ricercatori hanno chiesto a un gruppo di giovani adulti e a un gruppo di persone con più di 65 anni, di imparare 100 parole di spagnolo in un periodo di tre settimane. Alla fine di questa formazione, in un test gli anziani hanno raggiunto  tempi e numero di risposte corrette in modo simile ai giovani adulti, mostrando che entrambi i gruppi hanno prestazioni simili di apprendimento.

E ciò che è vero per la lingua e la conoscenza dichiarativa (esplicita), ciò vale anche per la conoscenza procedurale (implicita, in connessione con i gesti e i movimenti). In alcuni casi gli anziani hanno bisogno di un periodo di apprendimento più lungo, per compensare l’effetto dell’età, ma il meccanismo di plasticità del cervello per l’apprendimento è presente per tutta la vita.

Gli anziani, si è visto, hanno tempi di reazione più lunghi, una memoria meno affidabile, una percezione sensoriale spesso alterata, e hanno più difficoltà a risolvere i problemi. Questi deficit osservati in laboratorio possono essere considerati un ostacolo per l’acquisizione di nuove informazioni fra le persone non più giovani.

In realtà questi studi oscurano una dimensione importante dell’ avanzare dell’età: l’accumulo di esperienze di vita e di conoscenze.
Nell’esperimento citato sull’apprendimento della lingua spagnola, l’imaging cerebrale mostra negli anziani una particolare attivazione di alcune reti di memoria che non si trova fra i più giovani. Questa attivazione specifica è quella della memoria chiamata “semantica”, quella cioè che memorizza la conoscenza soprattutto di carattere generale. Nel contesto di una sfida cognitiva, come quella di  imparare una seconda lingua, gli anziani si basano sulla propria esperienza come risorsa cognitiva ed in questo hanno una risorsa che i più giovani non hanno.

Nell’invecchiamento, per apprendere nuove informazioni, si può cercare nell’esperienza una base per memorizzare, anche se si tratta di un processo lento.

La “manutenzione” del cervello sembra giocare un ruolo chiave nel mantenimento della plasticità tra i 30 e i 60 anni. Questa capacità è compromessa se, e solo se, si perde interesse verso le novità. Il ricercatore Pierre Marie Lledo, neuroscienziato presso l’Istituto Pasteur, dice che, per mantenere la plasticità cerebrale, è importante una combinazione di fattori, come l’attività fisica, poco stress, evitare di consumare psicofarmaci, svolgere attività cognitive e di socializzazione.

A qualsiasi età,  in assenza di patologie neurologiche, si può imparare, anche se ovviamente i meccanismi di apprendimento sono meno efficienti da una certa età in poi, in termini di velocità di acquisizione. Contrariamente a quanto la ricerca ha pensato a lungo, non siamo bloccati da un determinismo biologico che permette di imparare solo fino ad una certa età.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte: Notre cerveau peut apprendre à tout âge, The Conversation

Immagine:
Pixabay

Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

Psicoterapeuta Sessuologa at Ellepi Associati | Ancona - Terni
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali.

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona

Biografia completa della Dr. Giuliana Proietti: qui

Tweets di @gproietti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Giuliana Proietti (see all)

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali. Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona Biografia completa della Dr. Giuliana Proietti: qui Tweets di @gproietti

Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *