• Online dal 2002, Per fare della timidezza un punto di forza.

L’importanza del compagno di giochi in età prescolare

compagno di giochi

Un nuovo studio, pubblicato online sul Journal of Personality and Social Psychology, conferma che la personalità si modella in base agli stimoli ambientali,  e non solo in base ai geni. “La nostra scoperta riguarda il fatto che i tratti di personalità siano ‘contagiosi’ tra i bambini, e questo contraddice il presupposto comune che la personalità sia…

Continua

I timidi sono amati dagli amici molto più di quanto essi immaginano

Fare amicizia è spesso molto difficile per le persone timide e, come se non bastasse, molte di loro credono di essere giudicate male dagli amici. Una nuova ricerca svolta presso la Washington University di St. Louis, dimostra che le cose non stanno così. Oltre tutto la ricerca si basa su persone molto timide, che…

Continua

Bambini: per farsi nuovi amici conta il rapporto con i genitori

mamma e bambino

Secondo un nuovo studio dell’Università dell’ Illinois, pubblicato su Developmental Psychology, i bambini che hanno legami più saldi con i propri genitori riescono meglio ad adattarsi agli altri bambini. Un bambino che ha sperimentato una relazione di attaccamento sicuro con i genitori entra infatti in una nuova relazione affettiva con…

Continua

Gli amici sono uno scudo contro le esperienze sociali negative

bambini

La rivista Development and Psychopathology ha pubblicato un articolo, nel quale si sottolinea l’importanza del ruolo dell’amicizia nella maggior parte bambini. Coloro che hanno pochi amici, sono più facilmente soggetti all’esclusione sociale e possono quindi cadere in depressione. Lo studio è stato condotto da diverse università degli Stati Uniti ed…

Continua

Non avere amici è pericoloso quanto fumare

amiche

Non avere relazioni sociali è pericoloso per la salute tanto quanto fumare 15 sigarette al giorno, bere alcolici, essere obesi o non fare attività fisica. Questi i risultati di una ricerca condotta da Julianne Holt-Lunstad della Brigham Young University a Provo, nello Utah, la quale, insieme al suo team ha analizzato 148 studi, relativi a 308.849 soggetti, i quali sono stati seguiti per una media di sette anni e mezzo.

Continua