Ansia nel bambino

ansia nel bambino

Nel bambino l’ansia può segnare il probabile sviluppo di future psicopatologie ed è bene sia tenuta sotto controllo. Non sempre tuttavia è facile distinguere nel bambino una normale reazione emotiva da uno stato di crescente angoscia legata alla socializzazione, all’impegno scolastico, a stati fobici ecc.

L’ansia nel bambino può essere del tutto ‘normale’ soprattutto se conseguente ad uno stress come uno spavento, la perdita o l’allontanamento di un genitore o di un amico, l’aver preso una pagella con cattivi voti. Il bambino iperansioso è pervaso da una continua sensazione di apprensione, che lo porta a temere sempre il peggio, come se qualcosa di terribile stesse sempre per accadere. Non di rado questa ansia si tramuta in stati di collera o comunque di irritabilità, che non sono altro che richiami nei confronti delle figure adulte, per poter essere rassicurato.

L’angoscia è un malessere più profondo, che comporta modificazioni psicosomatiche (es. aumento battito cardiaco, aumento del ritmo respiratorio, eccessiva sudorazione ecc.).

Se il bambino non è in grado di superare o rispondere ad una situazione per lui dolorosa o minacciosa, si può parlare di angoscia. Angoscia che non riguarda, purtroppo, solamente i bambini che hanno acquisito la capacità del linguaggio e che dunque possono in qualche modo esprimere ciò che sentono, consentendo così agli adulti di offrire un immediato sostegno.

A volte possono insorgere delle angosce anche nel periodo pre-verbale, quando ad esempio si può osservare un viso immobile, inespressivo, silenzioso, oppure la presenza di scatti motori e movimenti non coordinati. Tra gli altri indicatori c’è quasi sempre un disturbo del sonno, come ad esempio la difficoltà a sviluppare un ritmo sonno-veglia regolare.

Anche nel bambino al di sotto dei sette-otto anni possono essere presenti degli attacchi di panico, specialmente in presenza di situazioni che lui può sentire minacciose, come ad esempio il buio, la solitudine, la presenza di un animale, una persona temuta… In questi casi niente di meglio che la presenza di un genitore affettuoso e ‘caldo’ può aiutarlo a superare queste crisi di angoscia. La persistenza di attacchi di panico potrebbe condurre il bambino verso condotte fobiche, per cui, per paura di stare male o di avere paura, comincia ad evitare tutte le situazioni che lo espongono al temuto ‘rischio’. E’ una situazione allarmante, anche perché il bambino tende a chiudersi in casa e ad evitare i contatti sociali, sviluppando così sintomi di depressione, disturbi dell’attenzione, agitazione e instabilità.

ansia nel bambinoAnna Freud diceva che, nel bambino, non è la presenza o l’assenza dell’angoscia, la sua qualità o la sua quantità che consentono di predire l’equilibrio psichico del soggetto in età adulta. Ciò che è invece significativo è esclusivamente la capacità dell’Io di controllare l’angoscia.

E’ un po’ come quando gira il virus dell’influenza : non bisogna temerlo se ci si è vaccinati, oppure se l’organismo è forte per poterlo combattere e non soccombere alla malattia… E la forza dell’Io del bambino sta tutta nell’educazione, nel sostegno e nell’affetto che possono dargli i genitori.

Clinica della Timidezza ©

Immagine:

Lee Wag, PDP

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Leave a Comment