La fobia sociale in Australia: un programma di cura su Internet

fobia sociale in Australia

La fobia sociale interessa più di 200.000 australiani ogni anno, ma solo un ristretto numero di individui cerca di curarsi, perché è proprio nella natura di questa particolare sindrome la difficoltà nel cercare aiuto. La University of New South Wales, in Australia ha lanciato un programma di educazione per chi soffre di fobia sociale, basato su Internet , indirizzato in particolare a chi vive nelle aree rurali o distanti dalle maggiori città.

Il Dr Nick Titov, Senior Lecturer presso la Unità di Ricerca sui disturbi di ansia sociale presso la University of NSW sostiene che la fobia sociale in Australia è molto comune: le persone che ne soffrono temono soprattutto il giudizio degli altri, il che si riflette in sintomi quali ansia, sudore, palpitazioni, tensione nervosa.

Tutto questo può portare a comportamenti ‘evitanti’.
La ricerca ha mostrato che la fobia si sviluppa in soggetti piuttosto giovani, a partire dai 12 anni di età. Chi ne soffre non è solamente ‘timido’, ma ha il terrore di partecipare ad eventi pubblici, di incontrare gente: pertanto si isola, per settimane o per mesi interi. Nei casi più gravi la fobia può portare all’abbandono della scuola o del lavoro. In famiglia generalmente ci sono più persone fobiche e comunque si tende a supportare la persona con questo problema, evitandole, quando è possibile, di esporsi all’incontro con altre persone.

Il Dr Titov consiglia di imparare a gestire le emozioni attraverso un’esposizione graduale alle situazioni ansiogene. Si tratta della psicoterapia cognitivo-comportamentale, che richiede mesi di terapia e nei casi più gravi anche anni. Ecco allora il Social Phobia Education Program messo a punto da questa università australiana per chi vuole curarsi da casa, navigando su Internet. E’ necessario conoscere bene l’inglese.

Fonte: ABC net
Link:
www.shyness.tv

Dr. Walter La Gatta
Clinica della Timidezza

CdT

Potrebbero interessarti anche:

Leggi anche:  Figli allevati da un solo genitore più a rischio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram