L’altruismo: più cervello che cuore

Altruismo

Secondo un punto di vista evoluzionista, l’altruismo è un non-senso: che ragione c’è di favorire gli altri, perfino mettendo a rischio la propria vita? Cosa ci si guadagna? Serve per trasmettere i propri geni? E’ un comportamento che salva dai rischi e garantisce la sopravvivenza? Assolutamente no.

E allora, perché gli esseri umani hanno sviluppato il comportamento altruista? E poi, siamo sicuri che sia sempre un atto di bontà? 

Molti sostengono che gli esseri umani siano per natura egoisti. In realtà la biologia evolutiva e la psicologia stanno iniziando a demolire quest’ idea. Infatti, molti animali mostrano comportamenti altruisti e fra essi c’è anche l’essere umano.

L’altruismo infatti non dipende solo dalla moralità, dall’etica, dal cuore: c’è, ad esempio, anche un altruismo biologico. Molti organismi si comportano, per questa ragione, in modo poco vantaggioso per le proprie possibilità di sopravvivenza, ma con il loro comportamento regalano possibilità riproduttive ad altri organismi. Ad esempio, una scimmia che vede dei predatori, dà subito l’allarme, per salvare la vita di altre scimmie, anche se questo gesto la metterà in pericolo.

In qualsiasi gruppo sociale, animale o umano, avere degli individui altruisti permette dunque di avere più chances per la sopravvivenza e l’evoluzione del gruppo.

Nelle società umane, ovviamente, non tutti sono disposti a morire per il proprio paese e per la propria gente, ma per fortuna ci sono molte persone che si sentono motivate a fare questo lavoro, nonostante i rischi che corrono.

Cosa spinge a gesti d’altruismo? Le persone possono trovare le motivazioni nelle loro credenze, desideri, speranze, paure, oppure semplicemente pensando a ciò che in quel momento appare loro giusto o sbagliato.

Molti atti altruistici sono dovuti al fatto che le persone rispondono in modo empatico quando vedono la sofferenza degli altri e sentono di poter dare aiuto, magari perché hanno vissuto essi stessi quelle stesse esperienze negative. Agire nei confronti degli altri, in questi casi, può essere utile per salvare, metaforicamente, se stessi.

L’altruismo tuttavia può diventare anche inopportuno: quando, ad esempio, alcune azioni, fatte con il cuore, finiscono per causare a chi le riceve, più danni che benefici. Ecco perché un altruismo efficace deve sempre partire dalla testa e non (solo) dal cuore.

Dr. Walter La Gatta
Psicoterapeuta
ANCONA, FABRIANO, CIVITANOVA MARCHE, TERNI
e via Skype
Tel. 348 3314908

Immagine
Freepick

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Leave a Comment