ansia sociale

Un antibiotico, chiamato D-Cicloserina (DCS), utilizzato in genere per il trattamento della tubercolosi, può aumentare i benefici di una terapia di esposizione per la fobia sociale (o ansia sociale) secondo una recente ricerca australiana. Il prodotto da buoni risultati anche per il morbo di Alzheimer, la schizofrenia e l’acrofobia (paura di stare in alto). La D-Cicloserina sembra essere utile nel diminuire una paura condizionata, ma solo se affiancata ad una psicoterapia: infatti, usata da sola non è efficace.

La D-Cicloserina aumenterebbe la liberazione di glutammato, un neurotrasmettitore che interviene nell’apprendimento e nella memoria attenuando i sentimenti di paura fra le persone che hanno disturbi d’ansia. La terapia di esposizione (detta anche terapia di desensibilizzazione sistematica) attraverso la quale le persone che soffrono di fobie si confrontano con le cose e le persone che le impauriscono è la terapia di elezione per i problemi fobici, anche se, secondo il Dr. Guastella, della University of New South Wales, che ha condotto la ricerca, con il tempo i risultati ottenuti andrebbero progressivamente diminuendo.

L’antibiotico, somministrato sotto forma di vaporizzatore nasale, è stato combianto con la psicoterapia di desensibilizzazione per trattare 23 casi di fobia sociale. I partecipanti dovevano prendere la parola davanti ad un gruppo di persone. Coloro che avevano preso la D-Cicloserina sono sembrati meno impauriti dei soggetti del gruppo di controllo ed i loro miglioramenti sono apparsi più durevoli.

La ricerca condotta in America evidenzia che ben 13 persone su 100 soffrono di fobia sociale e sono terrorizzate alla sola idea di essere osservate, giudicate o criticate in pubblico. In genere le fobie sociali si manifestano per la prima volta intorno ai quindici anni e possono continuare a lungo, se non vengono curate.

Leggi anche:  L'uso di sostanze per automedicazione

Fonte: Telegraph.co.uk

Psychomedia

Commento: sembra che la ricerca si stia dando molto da fare per risolvere il problema delle fobie sociali con uno spray. Ricordate ad esempio lo spray al ‘gusto’ di ossitocina? E’ qui.

Dr. Walter La Gatta
Clinica della Timidezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram