Per fortuna il TG5 mi ha messo al corrente della vostra esistenza, finalmente qualcuno a cui posso chiedere un parere, non mi sembra vero!!! Sono timida da sempre, ho sempre subìto il mio carattere reputandolo il mio peggior difetto e ho passato un’adolescenza da incubo. Una volta terminata la scuola, mi sono inserita piuttosto facilmente nel mondo del lavoro. Non avendo avuto particolari difficoltà ad ambientarmi, pensavo di aver “superato” in qualche modo questo lato del mio carattere… invece no. Il mio problema fondamentale sono sempre state le relazioni con i ragazzi. Ho sempre avuto confronti “forti” con loro: da piccola essendo un “brutto anatroccolo” mi prendevano spesso in giro, poi invece quando sono cresciuta (e fisicamente migliorata) mi sono trovata spesso a dare “due di picche”… così mi sono creata una sorta di barriera per respingerli sempre e comunque, una specie di scudo ultra protettivo. Oggi posso contare gli amici (anzi amiche) sulle dita di una mano e sebbene abbia quasi 30 anni, non sono mai stata fidanzata… tanto per esser chiari la mia sola esperienza “pratica” è stata un bacio quasi “rubato” da un ragazzo che non mi piaceva poi più di tanto… La scorsa estate ho conosciuto un ragazzo via web, l’ho incontrato e lo sto frequentando tutt’ora (sempre a livello “reale”, non ci sentiamo più via web, quasi non ricordo nemmeno di averlo conosciuto così). Mi piace moltissimo (credo di essermi proprio innamorata) ma quando sono con lui mi blocco. Discuto, faccio battute, chiacchero tranquillamente come una persona normalissima… solo che poi basta che mi metta una mano sul braccio e mi agito, non capisco più nulla, arrossisco, mi viene caldo, non riesco a “gestire” l’emozione… e la cosa strana è che io non vedo l’ora che lui si faccia avanti, solo che mi rendo conto che non riesco a farglielo capire! Ho sempre avuto bisogno di “tempo” per prendere confidenza con le persone e devo dire che lui me ne sta lasciando parecchio… solo che ormai sono più di 6 mesi che ci vediamo e temo che potrebbe stancarsi e rivolgere lo sguardo altrove senza nemmeno farsi avanti… Ho cercato di fargli capire qualcosa, ma è più forte di me, ad un certo punto mi tiro indietro, è come se avessi vergogna di mostrare i miei sentimenti… e ho paura, una paura folle che mi paralizza completamente… Sono davvero in ansia, sono un pò di sere che mi addormento piangendo a dirotto proprio perchè non so come affrontare questo problema… Secondo voi cosa posso fare per cercare di superare tutti questi timori e lasciarmi andare come vorrei veramente? Spero mi risponderete, ho davvero bisogno di un consiglio… grazie mille!

Gentilissima,

Sicuramente molti ragazzi leggendo questa sua lettera penseranno che il mondo è ben strano… Infatti qui non è lei che deve prendere il coraggio a due mani e dichiararsi a qualcuno, ma dovrebbe solamente… Non fare nulla, assolutamente nulla e lasciare che tutto accada nel modo più naturale possibile. Se non ce la fa ad esprimere ciò che prova, cerchi una scusa per stargli vicino in un luogo poco luminoso (es. finga di avere una leggera emicrania, un giramento di testa, per cui gli chieda semplicemente un braccio oppure, da seduta, si appoggi alla sua spalla, poi chiuda gli occhi (del resto ha l’emicrania!) e si lasci andare, senza dire nulla. Vediamo cosa succede. Nella speranza che non sia timido anche lui 🙂 Ci faccia sapere!

Dr. Walter La Gatta

www.clinicadellatimidezza.it
Immagine: Kelsey_lovephusionphoto

 

https://www.youtube.com/watch?v=qFF96-DzTn8[/embedyt

Mix

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.