renzo arbore

Renzo Arbore era timido. Lo racconta lui stesso in un’intervista.

D. Affabulatori si nasce?

R. Affabulatori si diventa. Se tu parli di me come affabulatore, io ero il ragazzo più timido della compagnia. Quello che si toccava i capelli quando veniva interrogato o quando parlavano i grandi. Ascoltavo molto in compenso, ma non avrei pensato di fare un lavoro in cui utilizzavo la parola. E invece mi sono trovato prima a scegliere i dischi per conto della radio, finché qualcuno mi ha incoraggiato a parlare. Con un po’ di whisky i primi tempi ci sono riuscito, poi per superare la timidezza ho scelto di essere assolutamente naturale come sono adesso parlando con te.

Fonte: Comunitazione

A cura della Redazione del sito
Clinica della Timidezza

Mix

Potrebbero interessarti anche:

Leggi anche:  Aiutare gli uomini ad aiutarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram