Ansia

Lo stress sul luogo di lavoro: il caso francese

Lo stress professionale è al centro delle preoccupazioni del mondo economico francese e dell’amministrazione pubblica. Ci è voluto molto tempo per prenderne coscienza, ritiene
il Dr. Eric Albert, psichiatra e fondatore, nel 1990 dell’ Institut français de l’anxiété et du stress (IFAS).

Certo, dice lo psichiatra, il legislatore francese ha qualche volta esaminato il problema, specialmente nella legge di modernizzazione sociale del 2002, che obbliga le imprese a valutare i pesanti rischi sulla sanità mentale della loro manodopera. Secondo Eric Albert, la collettività si è però resa finalmente conto del problema quando tre operai del Technocentre Renault di Guyancourt (Yvelines), si sono suicidati fra la fine del 2006 e l’inizio del 2007.

Anche i grandi gruppi hanno preso coscienza dei “rischi mediatici” che possono comportare i suicidi sul luogo di lavoro. Sanno anche che le sofferenze psicosociali possono influire negativamente sugli affari.

“Il costo dello stress nei paesi industrializzati è quantificabile in un valore del 3-4% del PIL“, ha dichiarato il 12 marzo il ministro del lavoro francese Xavier Bertrand.

Per la Francia ciò equivale a 60 miliardi di euro, se si tiene conto delle perdite legate all’assenteismo, le fermate del lavoro e il consumo di farmaci. L’Institut national de recherche et de sécurité parla di cifre meno elevate: nel 2000, “il costo sociale dello stress” sarebbe stato fra 830 e 1 656 milioni di euro.

Il fenomeno comunque aumenta: molti lavoratori affermano di soffrire di problemi di salute mentale secondo la Organisation de coopération et de développement économiques (OCDE), che lo scrive nel suo rapporto 2008.

Patrick Légeron, psichiatra, raccomanda una serie di percorsi per porre rimedio al problema: costruzione di un “indicatore di livello mondiale” dello stress professionale, identificazione e analisi dei suicidi compiuti dai lavoratori sul luogo di lavoro, lancio di una campagna di informazione.

Leggi anche:  Imbarazzo: una emozione pro-sociale

Alcuni grandi gruppi francesi hanno iniziato a lottare contro il problema, come La Poste o France Telecom, ma tali iniziative sono spesso criticate dai sindacati e dagli esperti, perché non affrontano il loro punto di vista, ovvero che le radici del male sono nell’organizzazione del lavoro, nell’intensificazione dei compiti, ecc.

Inoltre, molti datori di lavoro continuano a contrapporre una forma di rifiuto. Il 15 giugno, il direttore del TechnoCentre Renault ha detto che i suicidi che si sono verificati alla fine del 2006 e all’inizio del 2007 sono stati in primo luogo delle “tragedie personali relative ai capricci della vita, che capitano a tutti”.

Fonte:
Le Monde

Dr. Walter La Gatta

Clinica della Timidezza

 

Dr. Walter La Gatta

Dr. Walter La Gatta, psicoterapeuta sessuologo. Riceve a Ancona, Fabriano, Civitanova Marche Roma e fa Terapie online, via Skype.

Email w.lagatta@psicolinea.it
Sito web www.walterlagatta.it
Telefono 348 3314908

Si occupa principalmente di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it

Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Articoli Consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.