Fobia scolastica: come riconoscerla e cosa fare

fobia scolastica

Cosa è la fobia scolastica? La fobia scolastica, chiamata anche fobia scolare, è una forma di grave ansia associata all’andare a scuola. Il bambino o il ragazzo che rifiuta di andare a scuola prova ansie e paure profonde, capaci di produrre stress e attacchi di panico. Per quanto tempo dura? Il problema può persistere per diverse settimane o anche per più anni scolastici. Quanto è diffusa? Si stima che interessi tra il 5 e il 28% di tutti gli studenti nel loro intero ciclo scolastico, dalla scuola materna alle superiori.…

Continua

Come gestire i pettegolezzi

pettegolezzi

In genere i pettegolezzi negativi sugli altri sono sempre fonte di curiosità e interesse, anzitutto perché sono considerate informazioni utili per non sbagliare nel giudicare cose e persone, considerandole diverse da quelle che sono. Detto questo, è chiaro che gli altri saranno a loro volta interessati a conoscere i pettegolezzi su di noi, specialmente quelli che ci mettono in cattiva luce. Questo interesse verso aspetti della propria vita che si vorrebbero mantenere nella massima privacy può produrre ansia e disagio e portare a fare passi falsi, nel tentativo di scrollarsi…

Continua

Prescriversi il sintomo: interventi paradossali in terapia

prescriversi il sintomo

Per guarire ci si può autoprescrivere il sintomo? Sembra paradossale, anzi, lo è… A volte l’approccio inaspettato, l’opposto di ciò che sembra essere la soluzione più logica, potrebbe essere ciò di cui la persona ha bisogno per rompere il guscio doloroso di pensieri e sentimenti autodistruttivi e incoerenti che la inibiscono. Ecco un esempio di prescrizione paradossale del sintomo. Poniamo che una persona sia preda dell’ossessione di potersi sentire male in un luogo pubblico (un supermercato, pieno di gente) e di svenire, facendo una figuraccia che la rende ridicola. Come…

Continua

Il sonno non è un optional

sonno

Perché è importante dormire? Il sonno serve a rinvigorire i circuiti cerebrali che modulano le emozioni, preparando gli individui alle sfide del nuovo giorno e alle interazioni sociali. Che cosa comporta la deprivazione di sonno? La deprivazione di sonno incrina i meccanismi cerebrali che regolano aspetti chiave della salute mentale di una persona: dormire non è un lusso o un optional e se ne ha bisogno tutti i giorni. Per questo non è possibile abituarsi a dormire solo quando non si ha altro da fare… Molte persone pensano di non…

Continua

La creatività è timida

creatività

Molti attori, scrittori o artisti di vario genere sono spesso delle persone solitarie. J.K. Rowling, ad esempio,  ha raccontato di aver avuto per la prima volta l’idea di scrivere Harry Potter nel 1990, quando viaggiava da sola su un treno: “Avevo scritto quasi continuamente dall’età di sei anni, ma non ero mai stata così entusiasta di un’idea prima. “Con mia immensa frustrazione, non avevo una penna che funzionasse ed ero troppo timida per chiedere agli altri se me ne potevano dare una in prestito… ” Quindi, cosa fece la Rowling?…

Continua

La timidezza e il percorso di vita

percorso di vita

Cosa si intende per “percorso di vita”? Si intende il fatto che la vita umana è caratterizzata da periodi caratteristici, che tutti attraversano. Questi periodi sono caratterizzati dai diversi compiti e dai diversi ruoli che si assumono, a seconda del livello di maturazione dell’organismo e dei riti di passaggio che scandiscono la fine di una fase della vita e l’entrata in un’altra, come ad esempio l’ingresso nel mondo del lavoro, il matrimonio, il pensionamento, ecc. La timidezza si manifesta in modi diversi nelle diverse fasi della vita? Certamente si: cambiano…

Continua

Minoranze sessuali e bullismo a scuola

minoranze sessuali

Cosa sono le minoranze sessuali? Nel linguaggio sociologico le persone la cui identità e orientamento sessuale differiscono dalla maggioranza della società circostante vengono definite “minoranze sessuali”. Ci si riferisce dunque a persone gay, lesbiche, bisex, transgender (acronimo LGBT), in relazione al gruppo maggioritario degli eterosessuali. I giovani delle minoranze sessuali sono più esposti al bullismo? Sicuramente si. Essi sono esposti a una serie di violenze fisiche e psicologiche, oltre tutto per periodi più prolungati rispetto ai loro coetanei eterosessuali, per i quali la tortura del bullismo termina in età più…

Continua