Che cosa è la Timidezza? Una definizione

Che cosa è la timidezza?

Cosa è la timidezza? Eccone una definizione.

Disagio di fronte ad estranei che si manifesta in un comportamento esitante, ritroso o impacciato in situazioni di natura sociale. Espressioni di timidezza sono l’arrossamento del viso, difficoltà d’espressione verbale, impaccio gestuale e altre inibizioni fisiche o psichiche.

Può essere occasionale quando fa la sua comparsa in situazioni nuove, o comunque insolite per il soggetto, o tipica, dovuta a senso di inferiorità da addebitare a una scarsa confidenza con sé stessi o a errori educativi in ordine alla socializzazione.

O. Fenichel rubrica la timidezza fra le forme dell’angoscia sociale che “ può rappresentare o una parte della paura infantile dei genitori, mai completamente interiorizzata, o una riproiezione del SuperIo sull’ambiente”.

Accanto a questa spiegazione, Fenichel non esclude un rapporto fra la timidezza e la scopofilia (piacere sessuale derivato dal guardare le attività e gli organi sessuali di un’altra persona o i propri, detta anche voyeurismo) dove la timidezza sarebbe l’esito dell’inibizione del desiderio di guardare.

Fonte: Galimberti, dizionario di psicologia, De Agostini

A cura della Redazione del sito
Clinica della Timidezza

Visita anche Psicolinea

About

Leggi anche:  L'empatia nella vita quotidiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram