In uno studio pubblicato sulla rivista online Psychoneuroendocrinology, si è voluto verificare se gli olii essenziali aromatici migliorassero realmente la salute umana in modo quantificabile, come ha spiegato Janice Kiecolt-Glaser, professore di psicologia e psichiatria presso la Ohio State University. Oltre alla Kiecolt-Glaser hanno partecipato alla ricerca Ronald Glaser, professore di virologia molecolare, immunologia e gentica medica, e William Malarkey, professore di medicina interna.

Il team di ricerca ha studiato il comportamento di 56 volontari, donne e uomini scelti fra soggetti particolarmente predisposti a riconoscere gli odori più comuni. Alcuni erano favorevoli all’aromaterapia, altri si sono dichiarati disinteressati. In tre sessioni di mezza giornata essi sono stati esposti a più aromi (limone, lavanda e acqua distillata, come placebo), mentre venivano loro misurati la pressione sanguigna e il battito cardiaco e venivano presi campioni del loro sangue.

Altri test hanno riguardato il contatto, su una ferita apportata sulla pelle, di un batuffolo di cotone imbevuto della lozione aromatica. Inoltre, sono state registrate le reazioni al dolore, facendo immergere i piedi dei volontari in acqua riscaldata a 32 gradi F.

Infine, sono stati verificati il tono dell’umore e il livello dello stress attraverso un questionario psicologico. I volontari dovevano inoltre registrare una reazione di due minuti all’esperienza, per permettere poi ai ricercatori di analizzare le parole usate e verificare se esse erano espressioni di emozione positiva o negativa.

I campioni di sangue sono stati successivamente analizzati per rilevarne i marcatori biochimici che riguardano le reazioni del sistema endocrino e immunitario. Entrambi i livelli di Interleuchina-6 e Interleuchina-10 – due citochine – sono state controllati, così come gli ormoni dello stress: cortisolo, noradrenalina ed altri. Mentre l’olio di limone sembra portare un netto miglioramento dell’umore, l’olio di lavanda non ha alcun effetto sull’umore. Entrambi gli aromi invece non hanno avuto alcun impatto sui marcatori biochimici dello stress, nel controllo del dolore o nella guarigione della ferita.

Come ha spiegato Malarkey, “Se un paziente, usando questi olii si sente meglio, non possiamo dire che essi non migliorino la salute del paziente. In ogni caso, noi non abbiamo trovato alcuna indicazione quantitativa sul fatto che questi olii abbiano un effetto fisiologico sulla popolazione generale”.

Il progetto è stato finanziato dal National Center for Complementary and Alternative Medicine presso il National Institutes of Health; i ricercatori Kiecolt-Glaser, Glaser e Malarkey sono tutti membri dell’Ohio State’s Institute per la Behavioral Medicine Research.

Link: Ohio State University.
Fonte e Foto:
Science Daily

Dr. Walter La Gatta

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.