Vorrei essere diversa – Consulenza on Line

paola_bg

Vorrei essere diversa…

Sono una ragazza di ventidue anni e mi sono sempre considerata timida a tratti, nel senso che con alcune persone o in certe situazioni (ad esempio quand’ero piccola davanti ad una telecamera o su un palco…) lo sono e lo sono sempre stata. Ma è anche vero che con le persone che conoscevo da tempo mi sono sempre ad aprire ad un certo punto e i commenti su di me sono spesso stati del tipo “sembravi tanto seria e riservata all’inizio e invece poi…”. da qualche tempo però mi sono resa conto che questa parte più estroversa di me è qualcosa di artificiosamente costruito, e che non è del tutto spontanea. Ultimamente riesco meno a “costruirla” tra laltro, e mi rendo conto che 1) mi è difficile costruire dei rapporti. Ad esempio che so, con mia zia, con mia cugina, con la parrucchiera, col barista…perchè io sono spesso scostante e fredda e non ispiro confidenza, a meno che non me lo IMPONGA (e comunque non mi riesce molto bene). E io vorrei davvero averli questi rapporti ma sono in imbarazzo, penso a come potrebbe essere interpretato un mio tono di voce nel salutare, o a volte non so cosa dire.2) ho una fobia organizzativa. Se devo fare delle cose o invitare delle persone mis ento sempre triste e non vogliosa di farlo e alla fine rinuncio o rimando cose fino a livelli impensabili…3) ho una sorta di paura di non essere abbastanza per gli altri. Tendo a non proporre nulla per evitare che qualcuno possa annoiarsi o non gradire ciò che ho proposto, mi sento spesso responsabile per la noia di qualcuno o per la non riuscita di una serata, spesso non faccio critiche o non prendo posizioni o quando lo faccio sto male, ho paura di perdere le persone, e penso anche tutta la notte a episodi successi dai quali qualcuno potrebbe dedurre che il mio comportameno potrebbe non essere stato corretto…è un incubo.4) sembro arrabbiata anche quando non lo sono. a volte mi dicono “ma che hai? che cos’hai?” e io sinceramente non lo so. se esco con qualcuno a volte capita che mi annoio, non so cosa dire, non sono felice li dove sono e vorrei solo tornare a casa per conto mio. poi ripensandoci invece desidererei tanto una vita leggera e allegra e piena di relazioni e di risate in ogni momento.5) mi sento osservata e giudicata quando cammino, quando parlo, quando sto seduta in biblioteca…sento gli occhi delle persone puntati su di me e mi comporto dic onseguenza, controllando ogni mio piccolo movimento e rimanendo tesa come una corda di violino. non riesco mai ad approcciare con qualcuno che mi piace anche per questo,e quando lo faccio, ho la sensazione che poi la gente mi “dimentichi”, ho la fobia del “non mi ha riconosciuto”,”non mi ha salutato”, e a volte potrebbe essere davvero così perchè sono così poco estroversa che riesco a passare totalmente inosservata e a non farmi ricordare qualsiasi cosa dica.Sembro una persona fragile così, ma in realtà io agli altri, ai miei amici, non sembro affatto così perchè mi tengo queste cose pe me e se qualcuno mi dice”quello non mi a salutato” io rispndo tranquilla e disinvolta, come in realtà non sono, “ma si, magari non ti ha visto!!” oppure “beh perchè tu l’hai salutato invece”?Ho paura di queste mie paure. Vorrei tanto riuscire a vedere le persone per come sono e non solo come potenziali e anzi quasi del tutto probabili biasimatori del mio modo di fare. Vorrei riuscire a guardare una ragazza e sorriderle apertamente invece di pensare automaticamente “mi sta guardando male, le sto antipatica, ma perchè, io vorrei stare simpatica a tutti.” Sono problemi che possono sembrare piccoli ma che per me sono davvero molto pesanti e mi fanno venire gli occhi lucidi se penso che la mia età dovrebbe essere quella delle risate e delle follie. Ci sono delle piccole tecniche per cominciare a risolvere questi miei problemi? che so dei piccoli consigli pragmatici per iniziare… E poi sono frequenti? o sono davvero l’unica?

Gentilissima,

Ho lasciato largo spazio alla sua lettera perché sono sicuro che molti nostri lettori si potranno riconoscere in molte delle sue descrizioni. La prima constatazione che si può fare, leggendo questa lettera, è che lei ha un carattere piuttosto introverso: le piace infatti coltivare i suoi pensieri ed i suoi ricordi più che stare con gli altri. Infatti, quando le persone o le situazioni sociali non sono all’altezza delle sue (alte) aspettative, tende a rimpiangere la sua solitudine, i suoi spazi, le sue abitudini. Dice che le piacerebbe essere un’altra persona, prendere la vita con maggiore leggerezza, sorridere agli altri, essere più aperta… Si può? La risposta è si, si può diventare più estroversi, più socievoli nei confronti degli altri, ma come ha potuto constatare, non si sfugge poi al giudizio personale, ai pensieri critici sul proprio sé, alla sensazione di aver recitato una parte, per voler a tutti i costi apparire diversi. E allora? Se si vuole cambiare davvero bisogna fare il lavoro su se stessi fino in fondo: non solo apparire, ma essere. Questo significa imparare a non giudicarsi, a non ruminare sui propri comportamenti, prendere la vita con maggiore superficialità e leggerezza, dimenticando le critiche e le auto-critiche.
p.s. Ma è sicura che vuole diventare davvero così?
Cordialmente,

Dr. Walter La Gatta

Mix

sessuofobia

Sessuofobia, o Fobia Sessuale

Introduzione La maggior parte delle persone è un po' inibita e impacciata nei rapporti sessuali, specie se non ha molta ...
Leggi Tutto

Training Autogeno

HAI DECISO DI APPRENDERE IL TRAINING AUTOGENO? PRENDI IN CONSIDERAZIONE IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
terapia cognitivo comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale e le aspettative del paziente

Quando un paziente decide di intraprendere un percorso di psicoterapia ha solo l'imbarazzo della scelta. Vi sono infatti almeno un ...
Leggi Tutto
psicopatici e sociopatici

Psicopatico e Sociopatico: che differenza c’è?

Potresti aver sentito persone definire qualcun altro uno "psicopatico" o "sociopatico". Ma cosa significano veramente queste parole? Questi termini sono ...
Leggi Tutto
terapia per l'ansia sociale

Terapia per l’ansia sociale

STAI CERCANDO UN TERAPEUTA PER PROBLEMI DI ANSIA SOCIALE? Prendi in considerazione il nostro Studio Ancona, Terni, Civitanova Marche Per ...
Leggi Tutto
das disturbo d'ansia sociale

Il disturbo di ansia sociale (o fobia sociale)

Introduzione al Disturbo di Ansia Sociale Il disturbo d'ansia sociale, chiamato anche "fobia sociale", è un disturbo d'ansia che riguarda ...
Leggi Tutto
ansia e timidezza

Ansia e timidezza sono diverse: come affrontarle per vivere meglio

Tutte le persone timide devono affrontare dei sintomi come il rossore, le palpitazioni, i tremori, la voce tremante, quando si ...
Leggi Tutto
mutismo selettivo

Mutismo selettivo o mutismo elettivo

Mutismo Selettivo o Mutismo Elettivo? In passato questo disturbo è stato chiamato "mutismo elettivo", perché si riteneva  vi fosse una ...
Leggi Tutto
inibizione

L’inibizione: significati psicologici

Inibizione e Timidezza L'inibizione è una componente della timidezza, dell'ansia e della depressione: si manifesta infatti attraverso un atteggiamento caratterizzato da insicurezza, ...
Leggi Tutto
Linguaggio del corpo, body language

Conoscere il linguaggio del corpo e sentirsi più sicuri di sé

Cosa significa linguaggio del corpo? Come tutti sappiamo, gli esseri umani non si esprimono solo attraverso le parole, ma anche ...
Leggi Tutto
arrossire

Paura di arrossire: curarla iniziando dal conoscerla

Per molte persone arrossire può essere un'esperienza molto sgradevole, tanto temuta, al punto di diventare una paura ossessiva, una fobia: ...
Leggi Tutto
Derealizzazione e depersonalizzazione

Attacchi di panico: depersonalizzazione e derealizzazione

SOFFRI DI ATTACCHI DI PANICO? SCEGLI IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE PER RISOLVERE QUESTO PROBLEMA ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
timidezza

Timidezza e Ansia sociale: curarsi con la psicoterapia

CERCHI UNO PSICOLOGO/ UNA PSICOLOGA PER PROBLEMI DI TIMIDEZZA? SIAMO A ANCONA, TERNI, CIVITANOVA MARCHE E OVUNQUE, VIA SKYPE Quanto ...
Leggi Tutto

Ipnosi e Autoipnosi

Ipnosi: a cosa serve? Può essere un utile strumento terapeutico, ad esempio per superare gli effetti della timidezza, di una ...
Leggi Tutto
situazioni sociali

Come superare l’ansia sociale

SUGGERIMENTI PER CURARE L'ANSIA SOCIALE Per chi soffre di ansia sociale, qualsiasi attività che riguardi lo stare nei luoghi pubblici, ...
Leggi Tutto
come si cura la timidezza

Come si cura la timidezza

L'identificazione precoce della timidezza caratteriale (dovuta in gran parte a componenti genetiche) è importante perché in questo modo genitori e ...
Leggi Tutto

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

One Thought to “Vorrei essere diversa – Consulenza on Line”

  1. dany

    Ciao a tutti anche io ho 22 anni e mi riconosco perfettamente nella descrizione della ragazza. Anch’io vorrei essere diverso perchè questo stato di tensione inquietudine di fatto non mi fà vivere.
    Anche se il mio carattere è così finisco per chidermi in me stesso e gli altri si allontanano da me perchè mi vedono come un nemico non prendendo mai alcuna posizione.
    Mi sento come un calciatore che rimane sempre in panchina, ho tanta voglia di dimostrare il mio valore ma non riesco a farlo.
    Chiedo qualche consiglio perchè è davvero difficile fare qualche piccolo cambiamento.

Leave a Comment