Paura di arrossire: curarla iniziando dal conoscerla

arrossire

Per molte persone arrossire può essere un’esperienza molto sgradevole, tanto temuta, al punto di diventare una paura ossessiva, una fobia: l’ereutofobia (o eritrofobia).

Si tratta di un fenomeno molto comune che consiste nella modificazione della colorazione della pelle del viso, a causa della sua irrorazione sanguigna. E’ un sintomo involontario e incontrollabile, che non può essere riprodotto a comando (se non, forse, ripensando ad una sensazione particolarmente imbarazzante vissuta in passato, che produce ancora i suoi effetti nel semplice ricordo).

Ciò che amplifica questa esperienza è la consapevolezza del rossore del proprio viso e dunque del messaggio corporeo che si sta inviando all’esterno: la paura di essere giudicati male, criticati o ridicolizzati dagli altri a causa di questo rossore è essa stessa causa di rossore.

A cosa serve arrossire? Difficile da dire. Ad esempio, è abbastanza comprensibile il fenomeno del pallore: il flusso sanguigno viene spostato dalle zone periferiche agli organi e ai muscoli, per far fronte alla difficoltà che si sta vivendo… Ma perché il flusso sanguigno, in un uguale momento di difficoltà, dovrebbe andare in direzione opposta? Il rossore al viso non si capisce molto.

Il primo che cercò  di capire questa stranezza fu Darwin, il quale dedicò un capitolo all’arrossamento del viso nel suo libro sulle Emozioni, nell’Uomo e  negli Animali, dove lo considerava “la più peculiare e più umana di tutte le espressioni”. Negli anni successivi tuttavia l’argomento non ha attirato l’attenzione dei ricercatori e, ancora oggi, ne sappiamo poco più di quello che ne sapeva Darwin.

Il fenomeno in realtà non riguarda solo il viso: il flusso sanguigno si estende infatti anche alle orecchie, al collo, alla parte superiore del torace. Si può arrossire in verità anche per motivi che non riguardano l’imbarazzo: ad esempio quando si mangiano dei cibi piccanti, o si esagera un po’ con l’alcol, ma si arrossisce in questi casi in maniera diversa.

Il significato del rossore è in genere quello dell’imbarazzo.  Non esiste tuttavia un consenso su questo argomento, e alcuni teorici non lo considerano come parte integrante della manifestazione dell’imbarazzo (ad esempio, Keltner & Buswell, 1997). Si può essere imbarazzati, infatti, senza arrossire, e arrossire senza imbarazzo (Edelmann, 2001). Ciò che sappiamo è che la maggior parte delle persone arrossiscono quando si sentono imbarazzate, anche se in alcune di esse il cambiamento fisiologico prodotto non è sufficiente per essere rilevato (una fortuna…).

Leary et al. (1992) hanno distinto l’arrossire ‘classico’ (improvviso arrossamento del viso) e l’arrossire ‘strisciante’, (più prolungato: lo vediamo quando qualcuno sta parlando in pubblico o viene intervistato. In questo caso l’arrossamento si diffonde lentamente per diversi minuti e di solito non è omogeneo, ma “a chiazze”)

Dal punto di vista fisiologico il fenomeno è spiegato dall’aumento repentino della quantità di sangue nei vasi superficiali dilatati della zona del viso. Probabilmente il fenomeno dell’arrossamento è stato poco studiato dagli psicologi perché è difficile misurarlo in laboratorio.

Darwin (1872) riteneva che l’arrossire fosse dovuto ad un focus di attenzione su se stessi, mentre gli stati mentali che lo producevano erano la timidezza, la vergogna, la modestia. Un’altra considerazione interessante di Darwin è che scatena l’arrossamento del viso non tanto il riflettere sul proprio aspetto, quanto il pensiero di ciò che gli altri possano pensare di noi.

Altri sostengono che l’arrossire sia prodotto da un’attenzione sociale indesiderata. Leary et al. (1992) hanno proposto quattro situazioni che suscitano l’arrossire:
a) le minacce all’identità pubblica: come le violazioni delle norme, le prestazioni insoddisfacenti, la perdita di controllo e il comportamento fuori ruolo
b) sentirsi controllati e al centro dell’attenzione
c) lodi e attenzione positiva
d) accuse di arrossire.

Esempi. Sono arrossito quando…
(a) “In una conferenza: ho fatto una domanda che il docente aveva appena spiegato e tutti si sono messi a ridere”.
(b) “Mi è stato chiesto di leggere qualcosa in classe”.
(c) “Il mio capo mi ha detto che apprezza il mio lavoro”.
(d) “Qualcuno ha detto” stai diventando rosso! E il mio rossore è aumentato”

Tuttavia, come sostiene Crozier (2000), l’attenzione prestata dagli altri non spiega tutte le occasioni dell’arrossire, poiché, ad esempio, si può arrossire quando un argomento sensibile o personale viene sollevato durante una conversazione, anche quando non ci si sente particolarmente osservati; anzi, in questo caso è il rossore che suscita l’attenzione degli altri, e non viceversa.  Un altro esempio: quando si arrossisce dopo che è stato fatto il nome di una persona dalla quale ci si sente attratti, anche se l’interlocutore non la conosce e non sa nulla di questa attrazione.

Dijk e de Jong (2009) hanno scoperto che si teme il rossore in quanto potrebbe rivelare informazioni che si volevano mantenere nascoste.Si ha paura insomma, con il rossore, di dare un segnale di interesse, di svelare un segreto che non si vorrebbe divulgare.

Se si prova imbarazzo o vergogna per qualcosa, evidentemente si pensa che qualcosa non va come dovrebbe andare, ci si sente dispiaciuti o preoccupati perché qualcosa non si presenta nel modo corretto, qualcosa va oltre le righe, almeno secondo i propri parametri di riferimento. Il sintomo dunque, in qualche modo, segnala l’adesione di chi arrossisce alle regole e alle norme della società  (e al riconoscimento del mancato rispetto di esse).

Ciò può servire per evitare reazioni ostili da parte degli altri, può aiutare la comunità a rafforzare i propri legami al suo interno, evitando di consumare risorse su atti aggressivi. La ricerca psicologica ha ritenuto l’arrossire una implicita richiesta di scuse, un modo per rimediare a qualcosa che non va  (Edelmann, 2001).

Studi empirici trovano che le persone che  arrossiscono quando hanno violato una certa norma sono considerate meno negativamente di quelle che non arrossiscono in queste circostanze. Abbiamo infatti maggiori probabilità di interpretare il comportamento in termini di vergogna o imbarazzo se è accompagnato dal rossore (Dijk et al., 2009). Eppure l’arrossire produce in molte persone più costi che benefici.

Gli studi interculturali dimostrano che l’arrossire è un’esperienza comune, ma la sua visibilità dipende dalla carnagione del viso. Edelmann (1990) ha segnalato differenze tra cinque paesi europei e il Giappone nella frequenza con cui è stato segnalato il rossore da imbarazzo (il rossore più frequente è stato osservato nel Regno Unito). Casimir e Schnegg (2002) hanno studiato le associazioni colore-emozione in 98 lingue e dialetti. Il colore rosso era associato alla vergogna in 78 lingue,  prevalentemente nelle popolazioni con carnagioni chiare.

Nelle popolazioni con carnagioni relativamente più scure, la vergogna viene talvolta associata al nero, forse riferendosi all’oscurità della pelle a causa di un aumento del flusso sanguigno nella regione di rossore.

Il problema di arrossire per molte persone è talmente grave da far loro sentire il bisogno di subire un intervento chirurgico (bloccare perifericamente le scariche emotive dell’ortosimpatico) per inibire l’arrossamento del viso. In ambito clinico i pazienti parlano di “sofferenza”, di “disabilità”, di sentirsi “persone strane” e spiegano di aver provato numerose strategie per evitare questo fenomeno, per non essere giudicate persone deboli, incapaci di autocontrollo, o di competenze sociali (Edelmann, 1990).

L’ansia di arrossire è correlata con la fobia sociale / disturbo d’ansia sociale. Una parte sostanziale delle persone che cercano una terapia per curare questo sintomo soffrono di fobia sociale.  (Crozier, 2006).

Drummond (1997) e Mulkens et al. (1999) hanno trovato scarsa relazione tra le misure fisiologiche dell’intensità del rossore e la percezione di quel rossore, nelle persone appositamente messe in situazioni di imbarazzo durante uno studio. Altri studi hanno riscontrato differenze fisiologiche tra le persone con ansia scarsa o elevata sulla possibilità di arrossire. Questo significa che l’ansia gioca un ruolo fondamentale nell’acuire il fenomeno.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:

The puzzle of blushing, The Psychologist

Immagine:
Pexels

Guarda il Video:

Mix

sessuofobia

Sessuofobia, o Fobia Sessuale

Introduzione La maggior parte delle persone è un po' inibita e impacciata nei rapporti sessuali, specie se non ha molta ...
Leggi Tutto

Training Autogeno

HAI DECISO DI APPRENDERE IL TRAINING AUTOGENO? PRENDI IN CONSIDERAZIONE IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
terapia cognitivo comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale e le aspettative del paziente

Quando un paziente decide di intraprendere un percorso di psicoterapia ha solo l'imbarazzo della scelta. Vi sono infatti almeno un ...
Leggi Tutto
psicopatici e sociopatici

Psicopatico e Sociopatico: che differenza c’è?

Potresti aver sentito persone definire qualcun altro uno "psicopatico" o "sociopatico". Ma cosa significano veramente queste parole? Questi termini sono ...
Leggi Tutto
terapia per l'ansia sociale

Terapia per l’ansia sociale

STAI CERCANDO UN TERAPEUTA PER PROBLEMI DI ANSIA SOCIALE? Prendi in considerazione il nostro Studio Ancona, Terni, Civitanova Marche Per ...
Leggi Tutto
das disturbo d'ansia sociale

Il disturbo di ansia sociale (o fobia sociale)

Introduzione al Disturbo di Ansia Sociale Il disturbo d'ansia sociale, chiamato anche "fobia sociale", è un disturbo d'ansia che riguarda ...
Leggi Tutto
ansia e timidezza

Ansia e timidezza sono diverse: come affrontarle per vivere meglio

Tutte le persone timide devono affrontare dei sintomi come il rossore, le palpitazioni, i tremori, la voce tremante, quando si ...
Leggi Tutto
mutismo selettivo

Mutismo selettivo o mutismo elettivo

Mutismo Selettivo o Mutismo Elettivo? In passato questo disturbo è stato chiamato "mutismo elettivo", perché si riteneva  vi fosse una ...
Leggi Tutto
inibizione

L’inibizione: significati psicologici

Inibizione e Timidezza L'inibizione è una componente della timidezza, dell'ansia e della depressione: si manifesta infatti attraverso un atteggiamento caratterizzato da insicurezza, ...
Leggi Tutto
Linguaggio del corpo, body language

Conoscere il linguaggio del corpo e sentirsi più sicuri di sé

Cosa significa linguaggio del corpo? Come tutti sappiamo, gli esseri umani non si esprimono solo attraverso le parole, ma anche ...
Leggi Tutto
arrossire

Paura di arrossire: curarla iniziando dal conoscerla

Per molte persone arrossire può essere un'esperienza molto sgradevole, tanto temuta, al punto di diventare una paura ossessiva, una fobia: ...
Leggi Tutto
Derealizzazione e depersonalizzazione

Attacchi di panico: depersonalizzazione e derealizzazione

SOFFRI DI ATTACCHI DI PANICO? SCEGLI IL NOSTRO STUDIO PROFESSIONALE PER RISOLVERE QUESTO PROBLEMA ANCONA - TERNI - CIVITANOVA MARCHE ...
Leggi Tutto
timidezza

Timidezza e Ansia sociale: curarsi con la psicoterapia

CERCHI UNO PSICOLOGO/ UNA PSICOLOGA PER PROBLEMI DI TIMIDEZZA? SIAMO A ANCONA, TERNI, CIVITANOVA MARCHE E OVUNQUE, VIA SKYPE Quanto ...
Leggi Tutto

Ipnosi e Autoipnosi

Ipnosi: a cosa serve? Può essere un utile strumento terapeutico, ad esempio per superare gli effetti della timidezza, di una ...
Leggi Tutto
situazioni sociali

Come superare l’ansia sociale

SUGGERIMENTI PER CURARE L'ANSIA SOCIALE Per chi soffre di ansia sociale, qualsiasi attività che riguardi lo stare nei luoghi pubblici, ...
Leggi Tutto
come si cura la timidezza

Come si cura la timidezza

L'identificazione precoce della timidezza caratteriale (dovuta in gran parte a componenti genetiche) è importante perché in questo modo genitori e ...
Leggi Tutto

Autore:

Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali.

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona

Biografia completa della Dr. Giuliana Proietti: qui

Tweets di @gproietti

Leave a Comment