Si può dedicare una vita a fare studi sull’arrossire? Sembra di si.

Mark Leary, professore di psicologia e neuroscienze presso la Duke University, si occupa da diverso tempo del fenomeno dell’ arrossire, reazione secondo lui conseguente più al sentirsi osservati che al senso di colpa.

“Le persone arrossiscono quando ricevono una attenzione sociale non desiderata“, ha detto Leary, che ha aggiunto che tutti arrossiscono, anche se alcune pelli lo mostrano più di altre.

Leary afferma che la forza di volontà non basta per gestire il fenomeno dell’arrossamento del viso. Alcuni farmaci, tra cui le istamine e i beta-bloccanti hanno dimostrato di ridurre il rossore sia quando esso dipende dall’ansia sociale, sia quando è invece provocato dalle fonti di calore, dal cibo piccante o dall’ alcool.

Tuttavia, le istamine prese un solo giorno, dice Leary, non funzionano: devono essere prese nel corso del tempo, in consultazione con un medico.

Fonte:Abc News

Aggiungerei che le medicine, da sole, non risolvono il problema di base: la psicoterapia si!

Dr. Walter La Gatta
www.clinicadellatimidezza.it

Immagine:Danikapierce

 

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.