Violenza verbale (o abuso verbale)

abuso verbale

Che cosa è la violenza verbale? La violenza verbale, il più delle volte definita anche “abuso verbale”, è una forma di violenza che comprende uno spettro relativamente ampio di comportamenti, tra cui accusare, minacciare verbalmente, comandare, banalizzare, dimenticare, silenziare, incolpare, criticare un’altra persona. Quale è lo scopo della violenza verbale? Lo scopo principale è quello di distruggere il sentimento di autostima delle persone con cui si interagisce. La violenza verbale può presentarsi anche in presenza di altre forme di violenza? Si, incluse la violenza fisica e la violenza psicologica. Per…

Continua

Alessitimia: cosa è e chi ne soffre

alessitimia

Cosa significa alessitimia? Alessitimia significa letteralmente “nessuna parola per i sentimenti” ( dal greco a- «mancanza», lexis «parola»  thymos «emozione» dunque: «mancanza di parole per esprimere le emozioni). Da quando si parla di alessitimia? Questa condizione è stata individuata e descritta per la prima volta negli anni ’50 in pazienti affetti da patologie classicamente definite come psicosomatiche (ulcera gastroduodenale, eczema, asma, ecc…). Inizialmente ci si riferì a questa patologia con la locuzione «analfabetismo emotivo» (1954). Il termine fu divulgato al grande pubblico nel 1976, in occasione della XI Conferenza Europea sulle Ricerche Psicosomatiche. Si tratta…

Continua

Autolesionismo: da cosa dipende, cosa fare

autolesionismo

Cosa significa il termine autolesionismo? Il termine “autolesionismo” deriva dal greco e significa, letteralmente, “danneggiare se stessi”. Cos’è l’autolesionismo? L’autolesionismo descrive qualsiasi comportamento attraverso il quale una persona causa danno a se stessa, di solito per far fronte a pensieri e situazioni difficili o angoscianti. Come si presenta? Il più delle volte assume la forma di tagli,  bruciature, lividi, avvelenamenti. Può tuttavia presentarsi sotto molteplici altre forme, come ad esempio battere la testa contro un muro, o farsi del male in senso non fisico. L’autolesionismo è un tentativo di suicidio?…

Continua

Aprile, dolce dormire

aprile

Nel periodo primaverile le giornate si allungano, aumenta la temperatura, si risveglia la natura.  In questo periodo anche il nostro organismo cambia e, come spiega il proverbio “Aprile, dolce dormire”, particolarmente in aprile le persone provano un grande bisogno di dormire e una forte sensazione di astenia. Sebbene le cause di questa astenia primaverile non siano ancora state completamente chiarite, si pensa che il fenomeno possa dipendere dall’equilibrio ormonale. Infatti, le riserve di serotonina (o “ormone della felicità) nel corpo, la cui produzione dipende dalla luce del giorno, si esauriscono…

Continua

Iperidrosi e Botulino

sudore

Cosa significa “iperidrosi”? L’iperidrosi consiste nella sudorazione eccessiva. Perché si suda? Il corpo normalmente suda per mantenere costante la propria temperatura. Il sudore tuttavia può essere anche l’effetto dell’attivazione del sistema parasimpatico, quando ci si sente minacciati. Può essere anche un sintomo di ansia sociale, come reazione alla tensione emotiva che si prova quando non ci si sente a proprio agio fra le altre persone. Quanto si suda, in genere? La sudorazione di un adulto può variare da mezzo litro a più di 10 litri al giorno: dipende dalle condizioni…

Continua

Onicofagia, o mangiarsi le unghie

onicofagia

Cosa è l’onicofagia? L’onicofagia è l’abitudine cronica a mangiarsi le unghie, specialmente nei bambini e negli adolescenti. Quando inizia questa abitudine? L’onicofagia di solito non si osserva prima dei 3 o 4 anni. Quanto è diffusa? I dati riportano percentuali del 20 – 33% durante l’infanzia e del 45% fra gli adolescenti. Intorno ai 18 anni questa abitudine diminuisce, ma potrebbe rimanere anche in età adulta. Da cosa dipende? Non è stato appurato con certezza, anche se si è osservato che questo disturbo colpisce in particolare le persone ansiose.  Possiamo…

Continua