Cyberbullismo: cosa significa

Cyberbullismo

In Italia si sta discutendo di una proposta di legge, già approvata dalla commissione Giustizia della Camera, secondo la quale il ragazzo che compie atti di bullismo e non modifica i propri comportamenti, dopo un percorso di rieducazione, potrebbe essere allontanato dalla sua famiglia e affidato a una casa famiglia, attraverso un intervento del Tribunale dei minori.  La normativa prevede anche l’istituzione di un numero verde per le vittime, il 114. Vediamo allora di comprendere meglio cosa si intende per cyberbullismo. Cosa è il cyberbullismo? Il cyberbullismo è una forma…

Continua

Il narcisista: come riconoscerlo

Il narcisista: sai riconoscerlo? Sai come gestirlo? Ecco alcune informazioni che potrebbero esserti utili. Cos’è il disturbo narcisistico della personalità? La parola “narcisismo” è molto diffusa sui media, specialmente quando si parla della vanità di alcuni personaggi famosi, oppure quando si vogliono mettere in rilievo alcuni aspetti della nostra società, come l’ossessione per i selfie. In termini psicologici tuttavia, il narcisismo ha un altro significato. Le persone con disturbo narcisistico della personalità sono innamorate di un’immagine idealizzata e grandiosa di se stessi, perché questo consente loro di evitare i profondi…

Continua

Come smettere di fumare

smettere di fumare

Provare a smettere di fumare: cosa significa? Significa che un fumatore medio, prima di raggiungere l’obiettivo di smettere, fa  in genere una decina di tentativi prima di diventare un ex fumatore. È importante dunque rendersi conto che non si è deboli e incapaci se ci si è provato un paio di volte, senza successo. La nicotina comporta una vera dipendenza: uscirne non è facile per tutti. Occorre non demordere: l’unico fallimento nello smettere di fumare è quando una persona smette di provare a smettere. Ci sono farmaci che possono essere…

Continua

Mutismo selettivo: cosa fare a scuola

Mutismo selettivo a scuola

Il bambino con mutismo selettivo a scuola è molto disciplinato, fa sempre i compiti, non è mai aggressivo con gli altri, si comporta sempre in modo educato. Così è difficile, per gli insegnanti, far subito caso a quel bambino tanto tranquillo, che non apre bocca con nessuno, né con i compagni, né con l’insegnante, che non partecipa ai giochi, che se ne sta sempre da parte. E’ solo dopo qualche tempo dall’inizio dell’anno scolastico che gli insegnanti riescono a notare questi allievi, così poco fastidiosi o esibizionisti, rendendosi conto che…

Continua

Mutismo selettivo: cosa è e come si cura

Cosa è il mutismo selettivo? Il mutismo selettivo (MS) è un disturbo d’ansia in cui una persona che è normalmente in grado di parlare non riesce a parlare in situazioni specifiche o a persone specifiche. Il mutismo selettivo di solito coesiste con la timidezza o l’ansia sociale.  Le persone con mutismo selettivo rimangono in silenzio anche quando le conseguenze del loro silenzio portano a sentimenti di vergogna, ostracismo sociale, o punizioni. Come viene percepito questo comportamento dagli altri? Questo comportamento può essere percepito come timidezza o maleducazione da parte degli…

Continua

Timidezza e vita sessuale: cause e soluzioni

timidezza e vita sessuale

TIMIDEZZA E VITA SESSUALE Dr. Giuliana Proietti – Tel 347 0375949 email g.proietti@psicolinea.it Dr. Walter La Gatta – Tel. 348 3314908 email w.lagatta@psicolinea.it ANCONA – TERNI – FABRIANO – CIVITANOVA MARCHE CONSULENZA VIA SKYPE La persona che soffre di timidezza ha spesso problemi nell’ambito della vita sessuale, in quanto mostra di essere piuttosto pudica, specialmente quando il partner è poco conosciuto e si teme il suo giudizio critico. E’ difficile infatti che un timido o una timida si spoglino e si mostrino nudi al nuovo partner senza esitazioni: i timidi si…

Continua

L’ansia nei bambini

ansia nei bambini

L’ansia non è un disturbo che si manifesta solamente nella popolazione adulta: anche i bambini soffrono d’ansia e spesso gli adulti non si rendono conto che anche situazioni apparentemente banali possono destare le preoccupazioni dei più piccoli. Ad esempio, volendo immaginare un evento ansiogeno, i genitori pensano facilmente ai problemi con lo studio, con gli insegnanti, alle interrogazioni, ma in realtà anche altri aspetti della vita quotidiana possono causare ansia ai bambini: ad esempio il tempo della ricreazione a scuola, l’ora di pranzo in mensa, le feste di compleanno, il…

Continua