la depressione
Psicologia

La depressione favorisce il ragionamento analitico

Quando si pensa positivo, si riesce a vedere l’aspetto buono di ogni cosa, di ogni situazione, anche la più brutta o la più malvagia. Anche i più ottimisti tuttavia faticherebbero  a trovare del buono in un fenomeno come la depressione: eppure in una nuova ricerca, che sarà pubblicata a breve sul Journal of Abnormal Psychology i ricercatori forniscono la prova che la depressione ha un effetto collaterale positivo.

Secondo lo studio condotto da Bettina von Helversen (Università di Basilea, Svizzera), Andreas Wilke (Clarkson University), Tim Johnson (Stanford University), Gabriele Schmid (Technische Universität München, Germania), e Burghard Klapp (dell’ospedale Charité di Berlino, Germania ), gli individui depressi hanno prestazioni migliori rispetto ai loro coetanei non depressi nei compiti di decisione sequenziale (cioè: quando affrontano compiti complessi, sono molto più analitici nel ragionamento).

Il concetto si capisce meglio seguendo le fasi del loro esperimento: i partecipanti – che erano “sani”, “depressi”, o “in fase di recupero dalla depressione” – sono stati coinvolti in un gioco al computer in cui dovevano scegliere il candidato ideale per un posto di lavoro, considerandone diversi. La scelta del candidato “giusto” comportava un premio in denaro.

I candidati venivano presentati dal gioco in ordine casuale e i giocatori dovevano decidere quando arrestare la ricerca e selezionare il candidato.

Oltre a questo, si dovevano affrontare problemi relativi a decisioni da prendere di tutti i giorni, come lo shopping per la casa e gli appuntamenti con gli amici. Come riportato, i pazienti depressi riescono molto meglio dei non depressi in questi compiti.

Infatti, mentre i partecipanti “sani” hanno studiato pochi candidati pochi prima di sceglierne uno, i  depressi hanno cercato con maggiore attenzione ed hanno compiuto scelte che li hanno portati ad elevare il valore del premio in denaro.

Questa scoperta fornisce la prima evidenza che la depressione clinica può portare alcuni benefici. (Per decenni, gli psicologi hanno dibattuto se la depressione avesse o meno effetti collaterali positivi).

Leggi anche:  Perché piacciono i videogames?

Mentre i ricercatori hanno riconosciuto che la maggior parte dei sintomi della depressione ostacolano le funzioni cognitive, studiosi come Paul Andrews  del Virginia Institute for Psychiatric and Behavioral Genetics e Andy Thomson dell’Università della Virginia, hanno proposto che la depressione possa favorire il ragionamento analitico e la costanza – che è una qualità utile nei compiti complessi.

Ricerche precedenti forniscono alcune prove a sostegno di questa possibilità, ma si concentrano su individui con bassi livelli di depressione non clinica.

L’articolo di prossima pubblicazione mostra invece che la depressione, anche grave, può produrre alcuni effetti collaterali positivi.

Fonte:

Positive effects of depression, Eurekalert

Dr. Walter La Gatta

www.clinicadellatimidezza.it

Immagine: Roberto Berlim, Wikimedia

Dr. Walter La Gatta

Dr. Walter La Gatta, psicoterapeuta sessuologo. Riceve a Ancona, Fabriano, Civitanova Marche Roma e fa Terapie online, via Skype.

Email w.lagatta@psicolinea.it
Sito web www.walterlagatta.it
Telefono 348 3314908

Si occupa principalmente di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it

Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Articoli Consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.