padre e figlio
Consulenza Psicologia Relazioni

Mio figlio di 15 anni – Consulenza online

mi rivolgo a Voi perchè credo che mio figlio di 15 anni abbia dei problemi di timidezza. Dal suo  comportamento mi sembra di capire che rifiuta ogni interesse  relazionale; è ipercritico con ogni persona che ha modo di incontare, non mi risulta che abbia rapporti di amicizia con alcuno, a scuola (frequenta il 2° anno del liceo scientifico)  non ha instaurato un solo rapporto di amicizia, Evita sempre situazioni che lo possano coivolgere, come le gite scolastiche. Passa quasi tutto il tempo extra scolastico a guardare a Tv, al computer o alla play station, o a fare esercizi ginnici in autonomia.  Arroscisce molto frequentemente. Nei pochi e rari dialoghi con gli altri (cui ho assistito), ho notato che usa un linguaggio scarno e spesso inadeguato (nel senso che parla di cose di cui forse non è affatto intersssato) e spesso è solo ascoltatore. Quello che mi preoccupa è la sua assoluta apparente indifferenza nella ricerca di amici. Ultimamente sta dimostrando anche aggressività, nel senso che alza il tono della voce quando viene richiamato o rimproverato. Fisicamente credo sia nella norma e alquanto gradevole in viso. Ama vestirsi bene anche se gli abiti devono comprarglieli gli altri. La timidezza credo di rilevrala anche dal fatto che si vergogna di fare le più piccole cose per se stesso come comprare libri o ordinare una pizza, andarea dal giornalai. So che una causa di tale stato di cose potrebbe individuarsi nel sistema di educazione adottato in famiglia da parte dei genitori  e nonni ecc.
Spero pssiate darm una mano o consigliarmi cosa fare anche nell’individuazione di qualche centro di aiuto nella provincia di salerno.
Grazie Giorgio

Gentile Sig. Giorgio,

Come lei giustamente dice, la causa di tale stato di cose potrebbe individuarsi nel sistema di educazione adottato in famiglia, ma non sono sola,mente l’ambiente e l’educazione ricevuta a causare la timidezza… Molto infatti è determinato per via genetica: probabilmente anche lei o sua moglie siete timidi e forse lei riconosce in questi comportamenti di suo figlio una parte di sé stesso, che ha cercato di eliminare dalla memoria. Crescendo infatti si acquisiscono sicurezza di sé, status, potere e tutto ciò contribuisce a rendere la persona più socievole ed estroversa, anche se la timidezza iniziale permane sempre in sottofondo e si esplicita solo in particolari situazioni.
Il periodo dell’adolescenza è forse il periodo in cui la timidezza raggiunge il suo apice: gli adolescenti si sentono insicuri del proprio corpo (vedi bei vestiti e esercizi ginnici di suo figlio), insicuri delle proprie capacità relazionali (vedi “discorsi strani” di suo figlio), del loro status (sono ancora bambini o si devono comportare come gli adulti?). La prima cosa da fare dunque è tranquillizzarsi: è un periodo difficile, ma è un periodo che passa e, dopo, le cose sono destinate a migliorare. Certamente un genitore può fare molto per aiutare suo figlio a superare al meglio questo periodo di difficoltà: ad esempio cercando di non essere ipercritico, di non notare i suoi rossori ed i suoi momenti di disagio, cercando di invogliarlo alle situazioni sociali proponendosi come modello positivo, facendo in modo che la propria casa sia frequentata da amici e dai figli degli amici, rinforzando ogni successo del ragazzo (scolastico, sportivo, relazionale, ecc.).
Cordialmente,

Leggi anche:  Il narcisista: come riconoscerlo

Dr. Walter La Gatta
Clinica della Timidezza

Immagine: Dvemasterking2000

Dr. Walter La Gatta

Dr. Walter La Gatta, psicoterapeuta sessuologo. Riceve a Ancona, Fabriano, Civitanova Marche Roma e fa Terapie online, via Skype.

Email w.lagatta@psicolinea.it
Sito web www.walterlagatta.it
Telefono 348 3314908

Si occupa principalmente di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it

Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Articoli Consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.