Airt e Clinica della Timidezza su Repubblica.it

Airt

A seguito dell’articolo pubblicato sul Blog Clinica della Timidezza, la giornalista Sara Ficocelli ha scritto un articolo sull’argomento, con intervista al Dr. Walter La Gatta.

Ringraziamo la Dr.ssa Ficocelli per l’interesse prestato alla nostra attività e riportiamo integralmente l’articolo, che potrà essere anche consultato direttamente su Repubblica.

LA RICERCA

I timidi pensano più a fondo. Nietzsche e Marx sono la prova

di Sara Ficocelli
Il cervello delle persone timide percepisce il mondo esterno in modo diverso rispetto a quanto accade per i soggetti estroversi. E si attiva per una lavorazione più profonda degli input. Lo sostiene una ricerca americana

Guance che si arrossano, atteggiamento impacciato, difficoltà a fare amicizia: la timidezza non è solo una patina che ricopre di mistero e delicatezza le nostre azioni ma una caratteristica capace di condizionare la vita sociale in maniera invalidante. I ricercatori della Stony Brook University di New York, dell’Università del Sud Est e dell’Accademia Cinese delle Scienze hanno analizzato i meccanismi che regolano l’introversione, scoprendo che il cervello delle persone timide percepisce il mondo esterno in modo diverso rispetto a quanto accade per i soggetti estroversi.

“Sensibilità per la Percezione Sensoriale – SPS”: è questo il tratto della personalità che porta il 5-6 per cento della popolazione mondiale a comportarsi in modo inibito o addirittura nevrotico, e questo perché chi nasce con questa predisposizione è più sensibile della media agli input del mondo esterno, e ha bisogno di più tempo per prendere decisioni e riflettere. I soggetti “altamente sensibili” sono più coscienziosi, si annoiano facilmente con le chiacchiere inutili e manifestano queste caratteristiche fin da piccoli. I bambini timidi sono infatti “lenti a scaldarsi” nelle situazioni sociali, piangono al primo rimprovero, fanno domande insolite e hanno pensieri fin troppo profondi per la loro età. Da adulti, prestano maggiore attenzione ai dettagli e, quando elaborano le informazioni visive, mostrano un’attività cerebrale più intensa rispetto a coloro che non hanno la “SPS”. Chi è timido, spiegano i ricercatori, vive insomma ogni esperienza con maggiore intensità e paga il prezzo di questa doppia sensibilità con una intolleranza genetica a rumore, dolore e caffeina, ovvero a tutto ciò che potenzialmente può minare l’equilibrio del sistema nervoso.

Per giungere a queste conclusioni gli studiosi si sono serviti di un gruppo di volontari, sottoponendo loro un questionario per distinguere i soggetti più da quelli meno sensibili. Successivamente, a 16 dei partecipanti è stato chiesto di mettere a confronto due vignette simili e di osservarne tutti i particolari, e contemporaneamente il cervello di ciascuno è stato esaminato con la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI). Le persone timide hanno osservato le varie differenze per un tempo più lungo di quelle estroverse e hanno mostrato un’attività elevata nelle aree cerebrali che si occupano di associare percezioni visive e sensoriali. Il loro cervello insomma non ha semplicemente elaborato la percezione visiva, ma si è attivato per una lavorazione più profonda degli input.

Questa caratteristica della personalità si trova in oltre 100 specie animali diverse, dai moscerini della frutta ai primati, il che, secondo gli scienziati, sarebbe la spia di un vantaggio evolutivo. Questo è uno dei motivi per cui i biologi hanno iniziato a prendere in considerazione l’ipotesi che, all’interno della stessa specie, ci siano non una ma due personalità vincenti: il tipo sensibile, che rappresenta una minoranza e sceglie di riflettere più a lungo prima di agire, e quello capace di spingersi oltre ogni limite. La strategia della persona timida non è vantaggiosa quando le risorse sono abbondanti o c’è bisogno di azioni veloci e aggressive, ma è utile nelle situazioni di pericolo, quando è più difficile scegliere fra due opportunità ed è necessario un approccio particolarmente cauto e intelligente.

“La timidezza è sicuramente un problema nella società moderna – spiega lo psicologo Walter La Gatta, Presidente dell’AIRT, Associazione Italiana Ricerca sulla Timidezza – perché chi è timido percepisce molti più dettagli e ha bisogno di tempo per elaborarli. Tempo che spesso i ritmi moderni non offrono. Ma non dimentichiamo che le persone molto timide sono anche altrettanto intelligenti e sensibili, quindi questa caratteristica è senz’altro una risorsa”.

Non sono in molti però a pensarla così. Secondo un sondaggio online condotto dallo stesso psicologo e dalla sua collaboratrice Giuliana Proietti (autrice del libro “La timidezza. Conoscerla e superarla”, ed. Xenia), nel 68 per cento dei casi la timidezza è vissuta come una limitazione a tutto tondo, sia dal punto di vista della carriera che dello sviluppo della vita sociale, mentre il 14 per cento degli italiani la considera addirittura una malattia. Solo il 2 per cento del totale dichiara di vivere questa condizione come un privilegio, mentre veramente “malate di timidezza” sono il 13 per cento delle persone.

“Considerare l’introversione come un limite è un errore madornale”, spiega lo psichiatra psicanalista Luigi Anepeta, presidente della Lega Italiana per la tutela dei Diritti degli Introversi (LIDI). L’autore del libro “Timido, docile, ardente. Manuale per capire ed accettare valori e limiti dell’introversione (propria o altrui)”, ricorda che il 60 per cento dei personaggi più geniali di tutti i tempi, da Nietzsche a Marx, erano degli introversi e che questa condizione è un modo di essere come un altro, “anzi – conclude – è una condizione che arricchisce moltissimo. Ma purtroppo il mondo moderno ha deciso di esaltare l’estroversione ed emarginare il diverso. E’ questo l’unico problema”.

(Aprile 8, 2010)

A cura della Redazione del Sito

www.clinicadellatimidezza.it

Mix

speranza

La speranza: cosa è e come utilizzarla

Studi e riflessioni sulla speranza Cohen, nel 1958 osservava che: "anche se una vita senza speranza appare impensabile, la psicologia ...
Leggi Tutto
colloquio di lavoro

Come presentarsi ad un colloquio di lavoro

L'appuntamento per un colloquio di lavoro accende sempre grandi speranze e per questo ci si può sentire particolarmente in ansia ...
Leggi Tutto
fumare

Si fuma per timidezza: perché smettere di fumare

SEI UN FUMATORE/UNA FUMATRICE? SI FUMA PER TIMIDEZZA: ECCO PERCHE' DOVRESTI SMETTERE DI FUMARE Nella vita, tutte le persone hanno ...
Leggi Tutto
vita

Sai migliorarti la vita? Test

Che tipo sei? Accetti passivamente tutto quello che ti capita o ti impegni per migliorare la qualità della tua vita? ...
Leggi Tutto
parlare in pubblico

Come superare la paura di parlare in pubblico

Ci sono molte persone che, piuttosto che dire una mezza frase in pubblico, scelgono la rinuncia, anche se attraverso questa ...
Leggi Tutto
dismorfofobia

Dismorfobia in adolescenza

La dismorfofobia: cosa è? La dismorfofobia è la paura di non essere normali, di non avere un aspetto normale. Chi ...
Leggi Tutto
L'ansia e la timidezza

L’ansia e la timidezza

L'ansia e la timidezza si influenzano vicendevolmente. Le reazioni psicofisiologiche del timido sono dovute infatti anzitutto allo stato di ansia, ...
Leggi Tutto
Consulenza

Consulenza psicologica a distanza

CERCHI UNA CONSULENZA PSICOLOGICA A DISTANZA? Prendi in considerazione il nostro Studio Professionale ANCONA - TERNI - FABRIANO - CIVITANOVA ...
Leggi Tutto

Autore:

Redazione
Il Sito www.clinicadellatimidezza è online dal 2002 e si occupa di timidezza, ansia e fobie sociali.
Responsabile, Dr. Walter La Gatta, psicoterapeuta di Ancona.

Leave a Comment