Avere amici insicuri e ansiosi può essere salvifico

amici insicuri e ansiosi

Avere amici insicuri e ansiosi può essere una buona strategia per proteggere sé stessi: lo afferma un recente studio, i cui risultati mostrano che le persone che sono preoccupate per le loro relazioni sociali, o che tendono ad evitarle, sono le migliori per rilevare un pericolo imminente e sanno agire rapidamente.

I ricercatori dell’Interdisciplinary Center Herzliya, in Israele, hanno lavorato con 138 studenti universitari, scoprendo che coloro che evitavano relazioni sociali troppo strette o erano più ansiosi, avevano risposte più veloci quando venivano a contatto con una situazione potenzialmente pericolosa.

“L’ansia, che è sgradevole per chi la prova e per le altre persone che sono vicine al soggetto ansioso, potrebbe invece essere altamente benefica, in quanto consente la diagnosi precoce delle minacce“, ha detto il ricercatore Tsachi Ein-Dor, uno psicologo sociale che lavora presso il centro. Per la stessa ragione, anche l’evitamento sociale, tipico degli introversi, sarebbe molto utile, in quanto consente una risposta rapida alle minacce.

Lo studio è basato sulla teoria dell’attaccamento, la quale prevede tre tipi di approccio interpersonale: con ansia, evitante o sicuro di sé.

Tra il 50 e il 60 per cento della popolazione ha uno stile “sicuro”, mentre la parte restante è più o meno divisa tra “evitante” e “ansiosa”.

“Chi è ansioso è generalmente meno sicuro di altri e dunque è più reattivo e disponibile nei momenti di difficoltà”, ha detto Chris R. Fraley, professore associato di psicologia presso la University of Illinois, che fa ricerca sull’attaccamento, ma che non era coinvolto in questo studio.

“Chi è evitante, per quanto riguarda l’attaccamento, è probabile che sia più capace di altri nel valutare la sua autosufficienza e quella altrui. Questi soggetti infatti sono a disagio nel dipendere dagli altri, così come quando altri dipendono da loro”, ha detto Fraley.

La teoria dell’attaccamento è emersa da studi in cui ricercatori osservavano dei bambini mentre giocavano in una stanza con le loro madri. Poi le madri uscivano dalla stanza ed entrava un’altra persona. Gli stili di attaccamento sono stati determinati in base a come hanno risposto i bambini quando sono tornate le loro madri.

Nel nuovo studio, i partecipanti hanno compilato un test progettato per valutare il loro stile di attaccamento. Poi sono stati invitati, in squadre di tre, a giocare su Internet, e sono stati lasciati ad aspettare in una stanza, prima di iniziare il gioco.

Quando lo sperimentatore lasciava la stanza, il “computer” nella stanza cominciava ad emettere fumo. Il computer era in realtà una macchina da fumo mascherata, e i ricercatori hanno osservato così la risposta dei soggetti studiati.

Squadre con livelli più elevati di introversione hanno risposto velocemente – circa 1 secondo e mezzo in meno per ogni punto in più raggiunto nel comportamento evitante.

I ricercatori hanno affermato che lo studio aiuta a spiegare perché l’ansia e l’elusione sociale persistono nella popolazione umana.

“La cosa fondamentale è la diversità” ha dichiarato Ein-Dor.  “E’ necessario avere vicine delle persone con abilità diverse”.

“La ricerca riporta una prova creativa e coinvolgente dell’ipotesi iniziale secondo la quale, nonostante la loro insicurezza, le persone molto ansiose ed evitanti hanno un potenziale per contribuire alle dinamiche di gruppo in modo benefico con particolare riguardo alla loro capacità di rilevare le minacce (e reagire ad esse) che potrebbero mettere a rischio tutto il gruppo”, ha detto Fraley.

Ein-Dor ha ammesso che molti preferirebbero probabilmente avere amici più sicuri di sé.

“Potrebbe essere un po’ superficiale da dire, ma la gente tende a sentirsi più soddisfatta se ha amici più sicuri di sé rispetto a persone più ansiose ed evitanti, ma il benessere e la felicità non sono tutto. Avere amici diversi, in termini di livelli di sicurezza nell’attaccamento, potrebbe salvarvi la vita nei momenti di bisogno “.

I risultati dello studio necessitano ora di conferme, anche perché ci potrebbero essere alcune differenze significative sul piano culturale. Per esempio, poiché la ricerca è stata effettuata in Israele, e molti degli studenti avevano fatto il servizio militare, essi potrebbero avere reagito in modo diverso rispetto ad altri.

Lo studio è stato pubblicato nel numero di settembre della rivista Social Psychological and Personality Science.

Fonte:

Effective Reaction to Danger: Attachment Insecurities Predict Behavioral Reactions to an Experimentally Induced Threat Above and Beyond General Personality Traits
Tsachi Ein-Dor, Mario Mikulincer & Phillip Shaver
Social Psychological and Personality Science, September 2011, Pages 467-473 via
Your Most Awkward Friends May Save Your Life, Live Science

Dr. Walter La Gatta

www.clinicadellatimidezza.it

Immagine:
Chris Roberts antieau, Wikimedia

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona e Terni. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Leave a Comment