Non riesco ad esprimere la mia rabbia


Consulenza online Walter La Gatta

ANCONA ROMA TERNI CIVITANOVA MARCHE FABRIANO

Ultimo Aggiornamento: Giu 30, 2020 @ 15:18

Sono un ragazzo di 22 anni. Il mio problema è questo: non riesco a esprimere la mia rabbia. Mi spiego. Ogni volta che inizio una discussione con qualcuno, persino con i miei genitori, vengo facilmente sopraffatto e non riesco a far valere la mia opinione. Appena la discussione diviene un pò più accesa comincio a tremare e sento che stanno per affiorare le lacrime, così preferisco ritirarmi e lasciare che gli altri ottengano ciò che vogliono.

Ciò è molto frustante perchè mi sento come un bambino che non riesce neanche a difendersi da solo e come conseguenza cerco di evitare qualsiasi tipo di confronto troppo forte, rinunciando a far valere miei diritti e finendo col non riuscire a farmi rispettare.

Il problema comincia a preoccuparmi sempre di più col passare del tempo, poichè crescendo mi trovo ad affrontare maggiormente situazioni in cui potrei confrotarmi duramente con altre persone ma a causa di questa paura mi ritrovo a scappare persino in circostanze dove so di avere palesemente ragione.

Ad esempio, se sono in fila a uno sportello e qualcuno maleducatamente mi sorpassa riesco a malapena a protestare, perchè so che sarei subito assalito da un’incontrollabile voglia di piangere…Il che mi imbarazzerebbe troppo e darebbe all’altra persona la possiblità di sopraffarmi anche più facilmente. Cosa posso fare?

Chiedi consulenza online

Informati anche sulla Consulenza Telefonica Gratuita del Giovedì

A13

 

Gentilissimo,

Prima di pensare ad esprimere la rabbia, lei dovrebbe sforzarsi di imparare ad esprimere le sue ragioni, facendolo in modo tranquillo, positivo. Quella che lei chiama “rabbia”, infatti, è in realtà dissenso: se le succede quello che descrive, anche con degli sconosciuti, è probabile che lei resti enormemente deluso dalle parole o dai comportamenti, per lei del tutto inaspettati, di alcune persone. Come può accadere alle persone molto sensibili, questa mancanza di rispetto, comprensione o riguardo nei suoi confronti può portarla a stati depressivi talmente intensi che attivano il meccanismo del pianto come valvola di sfogo.

Le sue lacrime sono un po’ come delle “carezze” che lei si fa, per complimentarsi con se stesso delle sue buone intenzioni e della malvagità altrui. Provi piuttosto a pensare che gli altri non siano così malvagi, ma spesso non troppo intelligenti: le cose vanno spiegate con calma, portando esempi concreti e logiche incontrastabili, che le permetteranno di vincere la sfida, specialmente se farà uso di un’arma sempre vincente, l’ironia.

Cordialmente,

Dr. Walter La Gatta

 

clinica della timidezzaCanale YouTubeDr. Walter La GattaConsulenza Via Skype

Walter La Gatta
psicologo psicoterapeuta sessuologo
ANCONA ROMA TERNI CIVITANOVA MARCHE FABRIANO

su Facebook

Visita il nostro canale YouTube
Visita il nostro Canale YouTube!

Immagine

Pexels

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

2 Replies to “Non riesco ad esprimere la mia rabbia”

  1. Vi sono varie tecniche di controllo dell’ansia, ma la loro efficacia è molto soggettiva.
    Molto apprezzato è in genere il training autogeno, che però va appreso unicamente da una persona competente e capace di praticarlo.
    (Apprenderlo sui libri o dalle video cassette non serve a nulla).
    C’è poi lo yoga, le tecniche di respirazione, il biofeedback, l’autoipnosi, le tecniche di visualizzazione, il rilassamento progressivo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.