Autolesionismo: da cosa dipende, cosa fare

autolesionismo

Cosa significa il termine autolesionismo? Il termine “autolesionismo” deriva dal greco e significa, letteralmente, “danneggiare se stessi”. Cos’è l’autolesionismo? L’autolesionismo descrive qualsiasi comportamento attraverso il quale una persona causa danno a se stessa, di solito per far fronte a pensieri e situazioni difficili o angoscianti. Come si presenta? Il più delle volte assume la forma di tagli,  bruciature, lividi, avvelenamenti. Può tuttavia presentarsi sotto molteplici altre forme, come ad esempio battere la testa contro un muro, o farsi del male in senso non fisico. L’autolesionismo è un tentativo di suicidio?…

Continua

Iperidrosi e Botulino

sudore

Cosa significa “iperidrosi”? L’iperidrosi consiste nella sudorazione eccessiva. Perché si suda? Il corpo normalmente suda per mantenere costante la propria temperatura. Il sudore tuttavia può essere anche l’effetto dell’attivazione del sistema parasimpatico, quando ci si sente minacciati. Può essere anche un sintomo di ansia sociale, come reazione alla tensione emotiva che si prova quando non ci si sente a proprio agio fra le altre persone. Quanto si suda, in genere? La sudorazione di un adulto può variare da mezzo litro a più di 10 litri al giorno: dipende dalle condizioni…

Continua

Bambini: relazione fra ansia sociale e problemi dermatologici

problemi dermatologici

I problemi dermatologici sono tra i più frequenti motivi per cui i bambini vengono fatti esaminare dai medici di famiglia. In genere si tratta di episodi passeggeri, ma a volte queste malattie possono diventare croniche e influire sulla salute, sia fisica, sia psicologica.   I dati epidemiologici mostrano che esiste una relazione complessa e bidirezionale tra le malattie dermatologiche e il benessere psicologico delle persone che ne soffrono. Infatti, i sintomi dermatologici influenzano i sintomi psicopatologici e viceversa. In campo pediatrico, le complesse relazioni tra salute fisica e psicologica sottolineano la…

Continua

La tricotillomania

tricotillomania

Cosa significa “tricotillomania”? Il termine ‘tricotillomania’ significa letteralmente ‘abitudine di tirarsi i capelli’ (dal greco: trico – capelli, tillo – tirare, mania- abitudine) e riguarda l’abitudine compulsiva di strapparsi i capelli, procurandosi delle aree di alopecia nel cuoio capelluto, nelle sopracciglia, nelle ciglia e, in casi piuttosto rari, anche nell’area pubica o rettale. Come viene classificato questo disturbo? E’ un disturbo classificato fra i Disturbi Ossessivo-Compulsivi e Correlati e comporta impulsi ricorrenti e irresistibili a strapparsi i capelli, le sopracciglia, le ciglia, ecc. ,nonostante i ripetuti tentativi di cessare questi…

Continua

Onicofagia, o mangiarsi le unghie

onicofagia

Cosa è l’onicofagia? L’onicofagia è l’abitudine cronica a mangiarsi le unghie, specialmente nei bambini e negli adolescenti. Quando inizia questa abitudine? L’onicofagia di solito non si osserva prima dei 3 o 4 anni. Quanto è diffusa? I dati riportano percentuali del 20 – 33% durante l’infanzia e del 45% fra gli adolescenti. Intorno ai 18 anni questa abitudine diminuisce, ma potrebbe rimanere anche in età adulta. Da cosa dipende? Non è stato appurato con certezza, anche se si è osservato che questo disturbo colpisce in particolare le persone ansiose.  Possiamo…

Continua

La cleptomania

cleptomania

Cosa significa “cleptomania”? La parola ‘cleptomania’ ha la sua radice nella parola greca kléptes (ladro) e significa letteralmente ‘mania di rubare’ Consiste nell’impossibilità di resistere all’impulso di rubare oggetti di cui non si ha bisogno, che non rappresentano un valore per l’uso personale, da cui non si può trarre alcun vantaggio economico. La cleptomania è diversa dal semplice rubare? Assolutamente si. Il cleptomane non si comporta in modo programmato e non è motivato dal bisogno dell’oggetto rubato. Come viene considerata, in termini psicopatologici, la cleptomania? La cleptomania è considerata un…

Continua