Fobia scolastica: come riconoscerla e cosa fare

fobia scolastica

Cosa è la fobia scolastica? La fobia scolastica, chiamata anche fobia scolare, è una forma di grave ansia associata all’andare a scuola. Il bambino o il ragazzo che rifiuta di andare a scuola prova ansie e paure profonde, capaci di produrre stress e attacchi di panico. Per quanto tempo dura? Il problema può persistere per diverse settimane o anche per più anni scolastici. Quanto è diffusa? Si stima che interessi tra il 5 e il 28% di tutti gli studenti nel loro intero ciclo scolastico, dalla scuola materna alle superiori.…

Continua

L’ansia da separazione nei bambini

ansia da separazione

L’ansia da separazione rappresenta un normale stadio di sviluppo per i bambini, che viene in genere superata intorno ai tre anni. In alcuni bambini, questo stato ansioso al momento della separazione è segno di una condizione psicologica più grave,  nota come disturbo d’ansia da separazione. La situazione è considerata più grave se l’ansia da separazione appare intensa o prolungata,  se interferisce con la scuola, o con altre attività quotidiane, se include attacchi di panico o altri problemi. Il disturbo d’ansia da separazione può verificarsi anche negli adolescenti e negli adulti,…

Continua

Prescriversi il sintomo: interventi paradossali in terapia

prescriversi il sintomo

Per guarire ci si può autoprescrivere il sintomo? Sembra paradossale, anzi, lo è… A volte l’approccio inaspettato, l’opposto di ciò che sembra essere la soluzione più logica, potrebbe essere ciò di cui la persona ha bisogno per rompere il guscio doloroso di pensieri e sentimenti autodistruttivi e incoerenti che la inibiscono. Ecco un esempio di prescrizione paradossale del sintomo. Poniamo che una persona sia preda dell’ossessione di potersi sentire male in un luogo pubblico (un supermercato, pieno di gente) e di svenire, facendo una figuraccia che la rende ridicola. Come…

Continua

Violenza verbale (o abuso verbale)

abuso verbale

Che cosa è la violenza verbale? La violenza verbale, il più delle volte definita anche “abuso verbale”, è una forma di violenza che comprende uno spettro relativamente ampio di comportamenti, tra cui accusare, minacciare verbalmente, comandare, banalizzare, dimenticare, silenziare, incolpare, criticare un’altra persona. Quale è lo scopo della violenza verbale? Lo scopo principale è quello di distruggere il sentimento di autostima delle persone con cui si interagisce. La violenza verbale può presentarsi anche in presenza di altre forme di violenza? Si, incluse la violenza fisica e la violenza psicologica. Per…

Continua

La fobia del contatto o afefobia

fobia da contatto

Cosa è la fobia del contatto? L’afefobia o aptofobia (dal greco ἄπτω “toccare” e φόβος “paura”) è una fobia che comporta grande disagio, se non repulsione, nei confronti del contatto fisico con altre persone (sia dato che ricevuto). Perché accade questo, dal punto di vista psicologico? Si tratta di un’ipersensibilità prossemica del soggetto, che vive il contatto fisico come un’invasione della propria zona intima. Da cosa dipende? Potrebbe trattarsi di un trauma infantile derivante dal contatto con persone o oggetti sgradevoli o ritenuti tali (ad esempio, contatti sessuali). Come si manifesta? La…

Continua

Autolesionismo: da cosa dipende, cosa fare

autolesionismo

Cosa significa il termine autolesionismo? Il termine “autolesionismo” deriva dal greco e significa, letteralmente, “danneggiare se stessi”. Cos’è l’autolesionismo? L’autolesionismo descrive qualsiasi comportamento attraverso il quale una persona causa danno a se stessa, di solito per far fronte a pensieri e situazioni difficili o angoscianti. Come si presenta? Il più delle volte assume la forma di tagli,  bruciature, lividi, avvelenamenti. Può tuttavia presentarsi sotto molteplici altre forme, come ad esempio battere la testa contro un muro, o farsi del male in senso non fisico. L’autolesionismo è un tentativo di suicidio?…

Continua