Trans e Pregiudizi sui Trans

Trans e pregiudizi sui trans

Trans e pregiudizi sui trans

Saluto del Centro Italiano di Sessuologia

Dr. Giuliana Proietti Psicoterapeuta Sessuologa
Tel. 347 0375949
Dr. Walter La Gatta Psicoterapeuta Sessuologo
Tel. 348 3314908

IN PRESENZA:
Ancona, Civitanova Marche, Fabriano, Terni, 
ONLINE su tutte le piattaforme 

Cosa si intende, in genere, per persone “trans”?

Le persone “trans” (o “transgender”) sono coloro la cui identità di genere e le cui espressioni sono in contrasto con il sesso con cui sono nate. Questa dissonanza tra sesso e identità di genere si esprime in moltissimi modi.
(Carroll 2010;. Kozee et al 2012; Namaste 2000).

Le persone “trans” in genere preferiscono auto-definirsi con questi termini: “transgender”, “transessuale”, “variante di genere”, o “genderqueer” (Carroll 2010; Carroll et al 2002). I nati maschi che desidererebbero essere femmine si definiscono MTF (male to female), mentre le nate femmine che desiderano essere maschi usano il termine FTM (female to male).

A25

I trans hanno tutti un uguale orientamento sessuale?

No, le persone transgender possono identificarsi come eterosessuali, omosessuali, o bisessuali.

Come vengono definite le persone trans nel linguaggio medico?

In genere si parla di persone con “disforia di genere”.

Cosa è il processo di transizione?

La transizione è un processo che alcune persone nate con un genere sessuale nel quale non si riconoscono si impegnano a vivere assumendo le caratteristiche di un sesso diverso rispetto a quello di nascita. Per alcuni soggetti, la transizione fra il sesso di nascita al genere sessuale desiderato può comportare solo un cambiamento sociale, ma nessun aspetto medico; per altri, le procedure mediche sono un passo essenziale verso l’assunzione del genere desiderato.

Per molte persone non conformi al genere, non vi è in atto alcun processo di transizione, ma piuttosto il riconoscimento di un’identità di genere che sfida le convenzioni o le categorie convenzionali. Per altre persone non conformi al genere, la transizione è, invece, un concetto significativo che si applica al loro percorso dal sesso di nascita alla loro identità attuale.

TERAPIE ONLINE

Dr. Giuliana Proietti 347 0375949

Prenota un appuntamento con i Terapeuti della
Clinica della Timidezza

In presenza 
Ancona Fabriano Terni Civitanova Marche
Online
su tutte le Piattaforme

Scopri di più su Walter La Gatta

Dr. Walter La Gatta 348 3314908

Quali sono i procedimenti per cambiare sesso?

Sono: iniezioni ormonali, interventi di chirurgia estetica e altri interventi, come chirurgia della parte superiore del corpo (aumento del seno o sua rimozione) e/o interventi chirurgici alle parti inferiori del corpo (rimozione delle ovaie, dell’utero o testicoli, vaginoplastica o falloplastica) ( Lombardi 2009).
Tuttavia, queste procedure non sempre sono  possibili per molte ragioni, come ad esempio per il loro costo, spesso proibitivo.

Che tipo di discriminazioni subiscono le persone trans?

Le persone “cisgender”, cioè coloro il cui sesso assegnato alla nascita corrisponde alla propria identità di genere (Kozee et al. 2012), in genere provano sentimenti di intolleranza, o addirittura di odio, verso i trans, con comportamenti che vanno dall’evitamento del contatto oculare alla violenza fisica.
(Van Den Bergh e Crisp 2004; Carroll 2010, Carroll e Gilroy 2002; Korell e Lorah 2007; Namaste 2000; Rachlin 2002; Winter et al 2009;. Zandvliet 2000).

I soggetti MTF sono spesso agitati quando sono in pubblico, preoccupati di essere scherniti, picchiati o addirittura uccisi, semplicemente perché stanno camminando per strada. I soggetti FTM possono invece evitare gli spogliatoi perché temono la violenza in questi spazi altamente legati al genere, dove si sentono fisicamente vulnerabili.

Pregiudizi, molestie e violenza emergono in tutti gli aspetti della vita: sul lavoro, nelle strutture sanitarie, nelle interazioni con le forze dell’ordine, a casa, a scuola, per le strade. Quando gli individui sono transgender e, oltre tutto, sono membri di altre minoranze sociali, sono a rischio ancora maggiore.

Lentamente, le persone transgender stanno guadagnando più diritti legali e una maggiore comprensione e accettazione da parte della società. Sfortunatamente, il pregiudizio contro le persone transgender e i loro cari è ancora straordinariamente forte ed è quasi sempre al di fuori del controllo di una persona transgender.

Vi è presenza di omofobia ed eterosessismo nei campus universitari degli Stati Uniti (Rankin 2003), ma che anche fra i terapeuti si segnalano comportamenti di disgusto nei confronti dei propri clienti trans (Carroll 2010; Ettner 1999, Korell e Lorah 2007; Mallon 1999; Rachlin 2002).

Secondo Stotzer (2009), la maggior parte delle persone trans hanno la probabilità di subire violenza nella propria vita, e questo generalmente “inizia in tenera età”. In un campione di 571 persone trans MTF, il 78,1% ha segnalato di aver subito abusi psicologici legati alla condizione trans e il 50,1% di loro ha subito abuso fisico (Nuttbrock et al. 2010). Factor e Rothblum (2007) hanno esplorato la famiglia di origine di 295 persone trans riportando che nei confronti del loro parente “diverso” vi è minore sostegno familiare, così come maggiori molestie e discriminazioni, oltre che violenza. Uno studio su 182 persone transgender ha indicato che il 51,3% ha subito abusi fisici e il 53,8% sono stati costretti a fare sesso (Kenagy 2005).

Kuehnle e Sullivan (2001) hanno analizzato 241 casi di abuso su persone trans in un periodo di tre anni, all’interno di una città situata nella regione del nord-est degli Stati Uniti, scoprendo che le persone trans hanno maggiori probabilità degli uomini gay o delle lesbiche di subire gravi danni personali, tra cui l’ospedalizzazione e la morte. Essi hanno inoltre una maggiore probabilità di essere vittime di abusi nelle loro case, da parte di una persona conosciuta.

Leggi anche:  La Kenofobia, o paura di gettarsi nel vuoto

Festival della Coppia 2023 - La terapia di coppia dopo un tradimento

Festival della Coppia

 

Cosa è la transfobia?

La transfobia è la paura, l’odio, l’incredulità o la sfiducia nei confronti delle persone transgender, ritenute transgender o la cui espressione di genere non è conforme ai tradizionali ruoli di genere.

Come si esprime la transfobia?

La transfobia può assumere molte forme diverse, tra cui:

  • atteggiamenti e credenze negative sulle persone trans
  • avversione e pregiudizio contro le persone transgender
  • paura irrazionale e incomprensione
  • linguaggio spregiativo e insulti
  • bullismo, abuso e persino violenza

Da cosa dipende la transfobia?

L’avversità nei confronti delle persone trans dipende da molteplici fattori tra cui, in primis, la mancanza di informazioni sul transgenderismo (Moran e Sharpe 2004), le credenze culturali, religiose e politiche (Nagoshi et al 2008; Winter et al 2009) e dalle caratteristiche di personalità, tra cui vi è il desiderio di dominanza sociale (Tebbe e Moradi 2012).

L’antipatia verso le persone trans dipende soprattutto dal fatto che esse si discostano dalle norme comunemente accettate riguardo ai comportamenti tipici del loro genere sessuale.

 

Ipnosi. Dr. Walter La Gatta
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE TERNI E ONLINE

Perché gli uomini eterosessuali, in particolare, sono omofobi?

Gli uomini eterosessuali valutano in modo negativo i congeneri che percepiscono più femminili (Blashill e Powlishta 2009), forse perché gli uomini gay, più delle lesbiche, sono considerati una minaccia diretta per la loro mascolinità (Ceglian e Lione 2004, Parrott et al 2002). Numerosi studi hanno infatti stabilito una connessione tra mascolinità tradizionale e omofobia (Parrott et al. 2002).

Come percepiscono i trans gli uomini eterosessuali?

Gli uomini eterosessuali percepiscono i trans MTF in modo maggiormente negativo rispetto alle donne e Nagoshi e colleghi (2008) hanno scoperto che gli uomini eterosessuali FTM non vengono considerati dagli eterosessuali come “veri uomini”, per cui non si sentono in competizione con loro.

Quali sono le categorie di persone che hanno un atteggiamento meno discriminatorio nei confronti dei trans?

Le persone che hanno un atteggiamento meno discriminatorio nei confronti delle persone trans sono quelle più riccamente dotate di empatia e di curiosità. Un aspetto della curiosità, la così detta “curiosità sociale” svolge un ruolo cruciale nelle relazioni, in quanto favorisce la motivazione ad esplorare e scoprire cose nuove su altri (Reio et al. 2006).

La curiosità sociale è anche considerata un elemento chiave in alcuni contesti, fra cui il setting psicoterapeutico, in quanto evoca comportamenti di ascolto attivo e lo stabilirsi di una relazione di aiuto (Helmeke e Prouty 2001). La curiosità sociale si correla infatti con l’empatia (Hakansson e Montgomery 2003), l’interazione sociale (Kashdan e Roberts 2006), e l’intelligenza emotiva (Mayer e Salovey 1990). Attraverso la curiosità interpersonale si è motivati a cercare informazioni sulle esperienze interne ed esterne degli altri e ciò vale naturalmente anche nei confronti di gay e lesbiche (Karacanta 2006; Johnson et al 1997;. Stotzer 2009).

Sessuologa online
Dr. Giuliana PROIETTI     TEL. 347 0375949
Ancona Fabriano Terni Civitanova Marche e ONLINE

I terapeuti possono soffrire di transfobia?

Al momento non ci sono molti studi su come i terapeuti percepiscono i trans e le poche ricerche in materia riguardano affermazioni fatte dai trans, in relazione ai propri terapeuti. I pazienti trans sostengono che i loro terapeuti hanno mostrato spesso curiosità inappropriate ed eccessive, spesso indicative di un pregiudizio anti-transgender.

(Van Den Bergh e Freschi 2004; Zandvliet 2000).

Altri comportamenti giudicati in modo negativo dai pazienti trans nei riguardi dei terapeuti sono:

(a) credenza che le persone trans siano in realtà “omosessuali” che non riescono ad affrontare la loro omosessualità,
(b) messaggi “o così o così” sulle decisioni da prendere circa l’intervento chirurgico per il cambiamento di sesso,
(c) convinzione che le origini della varianza di genere dipendano da disfunzioni familiari e/o abuso sessuale infantile

(Carroll e Gilroy 2002; Ettner 1999; Korell e Lorah 2007; Mallon 1999; Rachlin 2002).

Quali sono le conseguenze della transfobia?

A causa del modo in cui vengono trattate dalla società, e a volte anche dalle famiglie,  le persone transgender spesso sono costretta ad abbandonare la scuola o la casa familiare, usare sostanze stupefacenti, o arrivare al suicidio.

(Joan C. Chrisler e Donald R. McCreary, Handbook of gender research in psychology. Volume 2, Gender research in social and applied psychology, Springer, 2010)

Intervista sull'ipnosi

Dr. Walter La Gatta

Cosa si può fare per combattere la transfobia?

Nessuno ha il diritto di discriminare un’altra persona o di ferirla, psicologicamente o fisicamente.  Qualche suggerimento:

  • Non usare mai insulti gratuiti contro le persone transgender.
  • Non porre domande personali sui genitali, sulla chirurgia o sulla vita sessuale di una persona transgender.
  • Evitare di fare complimenti alle persone trans che in realtà vengono presi come insulti. Alcuni esempi: “Sembri proprio una ragazza vera!” o “Non avrei mai immaginato che fossi transgender!”
  • Informarsi sulla condizione trans
  • Usare un linguaggio neutro rispetto al genere, o usare il pronome al maschile o al femminile che la persona desidera per essere definita
  • Ricordare che essere transgender è solo una parte della vita di una persona trans.

Dr. Walter La Gatta

 

Training Autogeno - Clinica della Timidezza

Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949
Dr. Walter La Gatta Tel. 348 3314908

ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE TERNI

ONLINE SU TUTTE LE PIATTAFORME

Fonti:
Lynne Carroll, Dominik Güss, Kimberly S. Hutchinson, Andy A. Gauler, How Do U.S. Students Perceive Trans Persons? Sex Roles, Giugno 2012

https://www.transequality.org/sites/default/files/docs/resources/NTDS_Report.pdf

Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Terapia di coppia

Immagine
Freepik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram