Un problema mi avvelena l’esistenza – Consulenza online

Consulenza online Walter La Gatta

Ultimo Aggiornamento: Giu 30, 2020 @ 12:40

Ho 18 anni e ho un problema che mi sta avvelenando l’esistenza…sono una persona generalmente ritenuta, da chi non mi conosce da molto tempo, tranquilla, posata, di poche parole, timida, passiva, insicura, impacciata ecc ecc..mentre invece sono tutt’altro che una persona tranquilla..sono attiva, entusiasta, piena di voglia di vivere, amo il rischio, la vita movimentata, mi piaccio abbastanza come persona…mi piace molto parlare e in alcuni casi sono anche logorroica… se mi vedessero con le persone con cui sono in confidenza penserebbero di avere le allucinazioni! il problema è che quando devo conoscere nuove persone, entrare in una stanza dove c’è gente che non conosco, conoscere l’amica di qualche amica, sto male, inizio a sudare, mi viene ansia e per quanto io mi sforzi di parlare normalmente, di sorridere, di non far vedere la mia preoccupazione il risultato è che sembro sempre impacciata, goffa, insicura.

Poi dopo un pò di tempo esce fuori il mio vero carattere, inizio a parlare, scherzare, e allora tutti mi dicono che “non sembravo così”, che “non se lo aspettavano da una come me”, e frasi del genere. ci sono anche persone con cui non il mio vero carattere non viene mai fuori e credo che resteranno con l’idea di una persona timida e introversa per sempre. questo problema si manifesta anche quando cammino in mezzo alla gente, mi sento osservata e cerco di camminare il più velocemente possibile, soprattutto se sono sola. cerco in continuazione di non farmi notare ed è una cosa talmente radicata in me, che nonostante la mia lotta continua non riesco a cambiarla…

ho cercato di fare alcune attività da sola, ma il risultato è che il mio istinto prevale e non riesco comunque a coltivare le amicizia che ogni tanto creo…per non parlare della mia vita sentimentale, che fallisce in continuazine, per il fatto che ogni volta che esco con un ragazzo, non so che dire e resto in silenzio quasi tutto il tempo. mi si blocca davvero il cervello, non trovo nessun argomento, mi viene l’ansia e il risultato è che sembro davvero una persona poco interessante. poi magari torno a casa e piango tutta la notte. questo fatto di non riuscire a mostrarmi per quello che sono, di non tirare fuori le mie emozioni, il mio carattere, mi fa stare talmente male, tanto da aver sofferto e soffrire di attacchi di panico, onicofagia, stress, insonnia. insomma sto male e vorrei davvero cambiare. vado da una psicologa da un anno, ma nn è servito quasi a niente. sono migliorata un pò ma il mio modo di approcciarmi agli altri è sempre lo stesso. sono disposta a qualunque cosa pur di cambiare, non ce la faccio davvero più. vi prego di aiutarmi. grazie anticipatamente.

Chiedi consulenza online

Informati anche sulla Consulenza Telefonica Gratuita del Giovedì

A13

Gentilissima,

Il mondo è pieno di timidi che non sono affatto tranquilli e che anzi cercano tutte le situazioni possibili per mettersi alla prova: non a caso, molte persone che si dedicano a sport estremi, o lavorano nel mondo dello spettacolo, sono persone timide (o ex timide). Il fatto che lei ami la vita movimentata, che abbia voglia di vivere, che ami il rischio, che sia logorroica con chi conosce bene, ecc. non è affatto in contraddizione con una personalità timida, anzi.

La sua personalità potrebbe essere descritta come quella di una persona particolarmente ansiosa nei rapporti sociali, molto concentrata sulle sue prestazioni, che ha un grande timore di sbagliare, o di essere considerata come una persona di poco valore (perché evidentemente per lei una persona timida, introversa o riservata è di scarso valore, ma questo è un suo pre-giudizio…) In alcune circostanze, tuttavia, lei riesce, attraverso grandi sforzi, a riconquistare la stima di sé, esponendosi a situazioni rischiose, che altri evitano, o esasperando le dimostrazioni di euforia e socievolezza (anche questi comportamenti tipici della personalità timida).

Ciò che lei dovrebbe fare è imparare ad avere stima di sé anche quando si comporta normalmente, si sente in ansia o non trova argomenti di conversazione: una persona di valore non viene giudicata per questi aspetti così superficiali…

Infine, quello che lei dovrebbe aspettarsi ragionevolmente da una psicoterapia non è cambiare completamente personalità, come tra il Dr. Jekyll e Mr. Hyde, ma imparare a stimarsi per quello che lei è realmente, non per quello che pretende di essere, potenziando i suoi suoi punti di forza e lavorando sulle sue debolezze: non per eliminarle, ma per renderle sempre meno al centro delle sue preoccupazioni e dunque neutralizzarle, rendendole sempre meno dolorose o fastidiose per lei, il che avrà effetti positivi anche sulle sue performances sociali.

Inoltre, se dopo sei mesi/un anno di psicoterapia, seguita con impegno e regolarmente, tutte le settimane, non vi fossero miglioramenti apprezzabili, ciò potrebbe significare che il terapeuta e/o il percorso terapeutico seguito non erano adatti a lei (almeno in questo momento della sua vita) e tentare, in questo caso, nuovi percorsi.

Cordialmente,

Dr. Walter La Gatta

Dr. Walter La Gatta

 

Immagine

Pixabay

Walter La Gatta
psicologo psicoterapeuta sessuologo
su Facebook

Visita il nostro canale YouTube
Visita il nostro Canale YouTube!

 

FISS | CISDr. Walter La Gatta
ANCONA FABRIANO TERNI CIVITANOVA MARCHE
Tel. 348 3314908
w.lagatta@psicolinea.it

Marche

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.