Ansia sociale e timidezza sono diverse?

ansia e timidezza

Ansia sociale e timidezza sono diverse?

Terapie online. Dr. Walter La Gatta
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Il disturbo d’ansia sociale, una volta chiamato fobia sociale, si trova nel capitolo dei disturbi d’ansia del DSM-5. L’ansia sociale è un disturbo caratterizzato da paura molto intensa verso situazioni sociali ben definite (ad es. parlare o mangiare in pubblico). Spesso le cause dell’ansia sociale riguardano comportamenti appresi (es. traumi derivanti da umiliazioni subite in pubblico) oltre a pensieri irrazionali relativi a se stessi e agli altri.

Dal momento in cui la fobia sociale fu introdotta come disturbo psichiatrico nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, terza edizione nel 1980 (DSM-III;  ), ricercatori e clinici hanno teorizzato una relazione tra ansia sociale e timidezza.

L’ansia sociale, tuttavia, è un disturbo clinico ben definito nel DSM-5, mentre la timidezza è un termine “laico” su cui non c’è una definizione ben definita ( ). Le caratteristiche distintive di entrambe sono tuttavia sorprendentemente simili e includono sintomi somatici (es. tremore, sudorazione, rossore), sintomi cognitivi (es. paura di una valutazione negativa) e sintomi comportamentali (es. evitamento delle situazioni sociali).

A24/A3

Nonostante queste caratteristiche condivise, la relazione tra ansia sociale e timidezza rimane poco chiara. Inoltre, la timidezza è una condizione che molti considerano un normale tratto della personalità che non deve essere confuso con l’ansia sociale (vedi  ;  ).

Un’ipotesi sulla relazione tra timidezza e ansia sociale pone entrambe le condizioni su un continuum o spettro con l’ansia sociale concettualizzata come “estrema timidezza” (  ;  ;  ). Di conseguenza, le persone con ansia sociale hanno sintomi più gravi e sono più indebolite dal loro disagio nelle situazioni sociali rispetto alle persone timide.

Questa concettualizzazione è coerente con l’idea che la timidezza sia una condizione subclinica, o un aspetto normale della personalità che non è patologico ( ). La seconda ipotesi è che la timidezza e l’ansia sociale siano condizioni in parte sovrapposte, con la timidezza che è un costrutto più ampio della fobia sociale ( ;  ). Secondo questa ipotesi, la timidezza e l’ansia sociale possono essere qualitativamente diverse per alcuni aspetti, piuttosto che variare solo di grado.

Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Terapia di coppia

Alcune indagini empiriche hanno iniziato a definire il confine tra timidezza e ansia sociale. In uno studio (  ), il tasso di ansia sociale era significativamente più alto in un campione molto timido rispetto a un campione timido normativo, fornendo un supporto parziale per l’ipotesi del continuum. Tuttavia, solo la metà delle persone molto timide nello studio aveva una ansia sociale generalizzata, inferiore a quanto ci si sarebbe aspetatti sulla base di un modello continuo.

Leggi anche:  I giovani non sanno più scrivere in corsivo: perché?

Allo stesso modo, quando sono stati esaminati i tassi di ansia sociale e altri disturbi psichiatrici in una popolazione che si autoidentificava come timida ( ), la timidezza è stata associata alla psicopatologia generale e non solo all’ansia sociale. Inoltre, una percentuale significativa di persone timide non aveva diagnosi psichiatriche.

Entrambi gli studi precedenti suggeriscono che livelli più elevati di timidezza sono associati a tassi crescenti di ansia sociale, ma che le due condizioni non sono uguali. Entrambi gli studi suggeriscono anche che la relazione tra timidezza e ansia sociale sia limitata a coloro che hanno una fobia sociale generalizzata, con poca o nessuna associazione tra timidezza e ansia sociale. Questo risultato è coerente con le osservazioni cliniche di persone con ansia del linguaggio, ad esempio, che non sembrano essere timide o riferiscono di esserlo e di persone con fobia sociale generalizzata che tipicamente riferiscono di “essere sempre state timide” (  ;  ).

Una possibile distinzione tra i due gruppi è che la popolazione timida include individui che non hanno paura delle situazioni sociali, ma piuttosto sono riservati e preferiscono essere soli (  ). Questi individui sembrerebbero essere scarsamente dotati della dimensione della socievolezza.

Fonte:
NCBI

Dr. Walter La Gatta

Dr. Walter La GattaCosto della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Immagine:
Pixabay

Walter La Gatta
psicologo psicoterapeuta sessuologo
ONLINE
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Tecniche di Rilassamento e Ipnosi

Clinica della Timidezza, online da 20 anni+Ci occupiamo di timidezza da 20+anni
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram