Aprile, dolce dormire

aprile

Nel periodo primaverile le giornate si allungano, aumenta la temperatura, si risveglia la natura.  In questo periodo anche il nostro organismo cambia e, come spiega il proverbio “Aprile, dolce dormire”, particolarmente in aprile le persone provano un grande bisogno di dormire e una forte sensazione di astenia.

Sebbene le cause di questa astenia primaverile non siano ancora state completamente chiarite, si pensa che il fenomeno possa dipendere dall’equilibrio ormonale. Infatti, le riserve di serotonina (o “ormone della felicità) nel corpo, la cui produzione dipende dalla luce del giorno, si esauriscono durante l’inverno, facendo si che la melatonina (o “ormone del sonno”) possa avere il suo effetto.

Inoltre, quando i giorni diventano più lunghi, l’equilibrio ormonale deve essere completamente modificato: vengono rilasciati più endorfina, testosterone ed estrogeni. Questo cambiamento ha un forte impatto sul corpo, che risponde con una sensazione di stanchezza.

Tuttavia, si tratta di una condizione passeggera che si risolve naturalmente, appena il nostro organismo riesce a risettare nuovamente l’orologio biologico: questo adattamento dura circa una decina di giorni, quello che ci vuole per abituarsi all’aumento della temperatura e delle ore di luce.

Gli anziani, più degli altri, in questo periodo sentono il bisogno di andare a dormire più presto rispetto alle loro abitudini, e si svegliano prima del tempo. Anche gli insonni a primavera possono accusare maggiori disturbi del solito.

Dr. Walter La Gatta

Immagine

Pexels

Autore:

Dr. Walter La Gatta
Si occupa di:

. Psicoterapie individuali e di coppia
. Sessuologia (Terapeuta del Centro Italiano di Sessuologia)
. Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
. Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

E' responsabile del sito
www.clinicadellatimidezza.it


Riceve ad Ancona, a Fabriano e Terni. Possibili anche consulenze via Skype. Per appuntamenti: 348 – 331 4908

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta: qui

Biografia completa del Dr. Walter La Gatta: qui

Leave a Comment