L’attività sociale fa vivere più a lungo e in buona salute

L'attività sociale fa vivere più a lungo e in buona salute

L’attività sociale fa vivere più a lungo e in buona salute

Terapie online Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949
Psicoterapeuta Sessuologa

Bonus PsicologoUltimo Aggiornamento: Nov 15, 2022 @ 13:59

A cosa servono le attività sociali?

Anzitutto, sono considerate una protezione contro la perdita di abilità motorie. La funzionalità motoria è associata anche ad altri fattori, come depressione, problemi vascolari o reumatici

Quali sono le attività sociali più comuni?

Ad esempio fare volontariato, visite ad amici e parenti, sport, palestra, frequentazione della parrocchia ecc.

A24

Di quanto l’attività sociale allunga la vita?

Leggi anche:  La vergogna e il giudizio negativo su se stessi

Statisticamente, tra una persona che frequenta le attività sociali e una che vive socialmente isolata può esservi una differenza, quanto a rischio di morte o sviluppo di una disabilità, del 40%. (Aron S. Buchman et al.  Association Between Late-Life Social Activity and Motor Decline in Older Adults. Arch Intern Med., 2009;169(12):1139-1146)

Una meta-analisi a rilevato che le persone con relazioni sane e di supporto vivono più a lungo e che questi effetti sono sorprendentemente forti. I partecipanti a questa ricerca che potevano godere di un più ampio numero di relazioni  avevano circa il 45% in meno di probabilità di morire (Holt-Lunstad J, Smith TB, Layton JB (2010) Social Relationships and Mortality Risk: A Meta-analytic Review. PLoS Med 7(7): e1000316. https://doi.org/10.1371/journal.pmed.1000316).

La solitudine va considerata uno stress?

Si, è anzi uno dei principali fattori di stress che gli esseri umani moderni devono affrontare. È stato scoperto che la solitudine aumenta il cortisolo e l’infiammazione, entrambi fattori che danneggiano la salute nel lungo termine. In uno studio  i partecipanti alla ricerca sono stati volontariamente infettati da un virus del raffreddore e poi i loro sintomi sono stati monitorati dai ricercatori. Il risultato? Coloro che erano socialmente isolati nella vita avevano il 45% in più di probabilità di ammalarsi. (Block G., Hartman A.M., Naughton D. (1990). A reduced dietary questionnaire: Development and validation. Epidemiology, 1, 58–64).

Perché stare con gli altri ci fa stare meglio in salute?

Mentre lo stress e la solitudine possono causare cambiamenti negativi ai nostri sistemi biologici, prendersi del tempo per entrare in contatto con gli altri può aiutare ad attivare processi più benefici, come il rilascio di ossitocina. È stato scoperto che l’ossitocina abbassa il cortisolo, riduce il dolore, cambia il modo in cui il nostro cervello risponde a potenziali fattori di stress e persino promuove la crescita di nuove cellule cerebrali. Gli abbracci aumentano i livelli di ossitocina, così come il contatto visivo. Questo vale anche per il rapporto con gli animali: secondo uno studio , stabilire un contatto visivo con il proprio cane può aumentare l’ossitocina).

Terapia di coppia

COSTO DELLA TERAPIA
Online 60 euro, via Skype o Whatsapp
LGBT Friendly Clinica della Timidezza

Perché fare volontariato aumenta la durata della vita?

Le persone anziane che si offrono per fare volontariato sembra abbiano il 44% in meno di probabilità di morire (Annesi, I., Moreau, T., & Lellouch, J. 1989. Efficiency of the logistic regression and Cox proportional hazards models in longitudinal studies. Statistics in Medicine, 8, 1515–1521)

Cosa fare se non si vuole o non si può impegnarsi in attività di volontariato?

La ricerca suggerisce persino che coloro che si impegnano in atti gentili (a livello individuale) possono vedere i cambiamenti nel funzionamento del loro sistema immunitario (S. Katherine Nelson-Coffey, Megan M. Fritz, Sonja Lyubomirsky, Steve W. Cole, Kindness in the blood: A randomized controlled trial of the gene regulatory impact of prosocial behavior, Psychoneuroendocrinology, Volume 81, 2017, ISSN 0306-4530, https://doi.org/10.1016/j.psyneuen.2017.03.025).

Quali potrebbero essere questi atti di gentilezza?

Ad esempio andare a trovare una persona sola, aiutare un bambino nel fare i compiti,  fare un piccolo prestito a una persona in difficoltà, ecc.

TERAPIE ONLINE

Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti 347 0375949

Prenota un appuntamento con i Terapeuti della
Clinica della Timidezza

COSTO DELLA TERAPIA 60 EURO

Dr. Walter La Gatta Skype

Dr. Walter La Gatta 348 3314908

Cosa altro si può fare?

Poiché le nostre relazioni sociali sono così importanti per la salute, occorre investire tempo nel pensare a come migliorarle, cercando su Internet associazioni, club, accademie, scuole e così via. Ovviamente, si raccomanda anche di trascorrere del tempo anche con le persone con cui si vive o si è già in rapporto, magari aprendosi insieme a nuove relazioni o a nuove esperienze, come andare a ballare o a giocare a carte.

Un’altra cosa a cui fare caso è l’ambiente esterno, il quartiere dove si vive Ad esempio, la ricerca suggerisce che le persone che vivono in un quartiere abitato da persone amichevoli e fiduciose (tipo di quartiere normalmente definito “ad alto contenuto di capitale sociale”) hanno un minor rischio di diabete e malattie cardiovascolari.

Concludendo, occorre dare più valore, spazio e tempo alle relazioni:  fermarsi a chiacchierare con i vicini, cercare di essere più gentili, essere utili per gli altri: sono piccoli esercizi quotidiani che non solo rinforzano il corpo, ma aiutano a vivere meglio e più a lungo. 

Dr. Giuliana Proietti

 

Giuliana Proietti

Seguimi su Twitter

twitter cdt

Foto di Gerd Altmann da Pixabay 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram