Adolescenti LGBTQ+ e sessualità

Adolescenti LGBTQ+ e sessualità


Ti piacerebbe saperne di più su Freud e la Psicoanalisi?
Segui il mio mini corso in 10 lezioni

SEGUIMI ANCHE SU FACEBOOK - AGGIORNAMENTI CONTINUI
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

La nostra epoca ha visto un cambiamento significativo nella comprensione del genere e della sessualità, e la comunità LGBTQ+ ha sicuramente ottenuto maggiore riconoscimento e accettazione. Tuttavia, i giovani che si identificano come LGBTQ+ continuano ad affrontare difficoltà notevoli, in particolare nella sfera scolastica.
Cerchiamo allora di esplorare meglio questa realtà.

Cosa è l’adolescenza e quali sfide comporta sul piano della sessualità?

L’adolescenza è considerata il periodo finale dello sviluppo dell’individuo da bambino ad adulto. Questo periodo  si estende dall’inizio della pubertà alla fine della crescita sul piano fisico. L’età compresa tra 11 e 13 anni può essere dunque definita come “preadolescenza” e tra i 14 e 19 anni come “adolescenza”, sebbene i 19 anni non rappresentino sempre la fine dell’adolescenza ( Best & Fortenberry, 2013 ).

Si tratta di un periodo in cui a volte i ragazzi  faticano a stabilire la loro identità, inclusa la loro identità sessuale e di genere ( Erikson & Erikson, 1998 ). Per molti giovani LGBTQ+ infatti, l’esplorazione della propria sessualità può essere un viaggio intricato e pieno di incertezze: mentre alcuni individui possono avere una chiara comprensione delle proprie inclinazioni sessuali fin da giovanissimi, altri potrebbero sperimentare confusione, dubbi e conflitti interni.

Questo periodo, dunque, può anche essere visto come un periodo di accettazione o rifiuto della propria identità infantile e come un modo della società adulta per identificare i giovani, accettando le persone che stanno diventando  ( Erikson & Erikson, 1998).


Ti piacerebbe saperne di più su Freud e la Psicoanalisi?
Segui il mio mini corso in 10 lezioni

SEGUIMI ANCHE SU FACEBOOK - AGGIORNAMENTI CONTINUI
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Perché la scuola è centrale nella vita di un adolescente?

Perché non solo è obbligatoria e occupa gran parte delle ore di veglia dei ragazzi, ma è anche considerata l’arena in cui i giovani possono confrontarsi con gli altri, stringere amicizie e  trovare modelli di ruolo.

Le persone LGBTQ+ possono avere difficoltà nell’ambiente scolastico?

Si, e uno dei motivi è che la scuola è tipicamente gestita dalla generazione adulta, che spesso è influenzata dalle norme e dalle credenze di una generazione passata ( Magnus & Lundin, 2016 ; Stargell et al., 2020 ). Uno dei principali ostacoli che i giovani LGBTQ+ affrontano è rappresentato dalla discriminazione e dal pregiudizio. La società, pur progredendo in termini di accettazione e inclusione, in particolare con l’adozione di leggi che consentono i matrimoni tra persone dello stesso sesso ( Hamilton & La Diega, 2020 ),continua ad essere permeata da atteggiamenti omofobi, bifobici e transfobici ed i ragazzi LGBTQ+ possono ancora trovare, nel loro cammino, credenze passate sull’omosessualità, vista come una malattia ( Colvin et al., 2019 ; Katz, 2007 ; Roberts, 2019 ; Stargell et al., 2020 ).

Essendo l’identità sessuale  una parte essenziale dell’identità complessiva di un individuo, quando questa identità è in conflitto con le norme sociali dominanti, può scatenare un senso di alienazione e isolamento.

Quali sono i pregiudizi più comuni?

I pregiudizi più comuni sono i seguenti:

  • L’eteronormatività, che tende a emarginare o sanzionare coloro che si sentono al di fuori della sfera normativa eterosessuale all’interno di un’istituzione, attraverso il presupposto che privilegi e potere siano detenuti dagli eterosessuali e che questa debba essere la norma e l’ideale della società ( Jackson, 2006 ; Magnus & Lundin, 2016).
  • La cisnormatività (imposizione di una identità cisgender) dove le scuole fanno in modo che gli studenti appartenenti alle minoranze sessuali si sentano meno accettati dalla scuola (Gannon-Rittenhouse, 2015 ).

La percezione della società degli individui LGBTQ+ può portare questi ragazzi a rifiutare la propria identità a causa dell’omofobia interiorizzata ( Yolaç & Meriç, 2020 ).

 

Dr. Giuliana Proietti

Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Cosa è l’omofobia interiorizzata?

L’omofobia interiorizzata è la percezione negativa di se stessi a causa dell’orientamento sessuale: è un fenomeno diffuso tra i giovani LGBTQ+, che può avere gravi conseguenze sulla salute mentale e sul benessere emotivo.

Cosa dicono gli studi sugli adolescenti LGBTQ+?

Gli studi hanno dimostrato che questi individui sono più inclini a sperimentare depressione, ansia, e pensieri suicidi rispetto ai loro coetanei eterosessuali. La mancanza di sostegno e comprensione da parte della famiglia, degli amici e della comunità scolastica può amplificare questi problemi e mettere a rischio il benessere complessivo dei giovani LGBTQ+.

I soggetti LGBTQ+ sono vittime di bullismo?

Si, molto spesso gli adolescenti LGBTQ+ sono vittime di bullismo a scuola e sperimentano strategie di esclusione che rendono difficile a questi adolescenti accettarsi per quello che sono; alcuni di loro reagiscono con tristezza, senso di alienazione e rassegnazione, oltre che sintomi fisici e/o mentali. Queste esperienze possono portare all’assenteismo, a un rendimento scolastico inferiore e a una diminuzione della salute mentale.

Leggi anche:  Superare le proprie paure: come fare

Si è scoperto, infatti, che gli adolescenti LGBTQ+ hanno una salute mentale peggiore rispetto ai loro coetanei ( Eisenberg et al., 2019 ; Kosciw et al., 2018 ; Williams, 2017 ) e per questo in genere apprezzano il contatto con personale scolastico di supporto poiché questo sembra aiutarli a far fronte alle situazioni ( Day et al., 2019 ; Gower et al., 2018 ; Marshall et al., 2015 ).

Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Cosa pensano i giovani LGBTQ+ dell’educazione sessuale ricevuta a scuola?

Hobaica e colleghi (2019) hanno scoperto che i giovani transgender ritengono l’educazione sessuale fornita nelle scuole come  insufficiente e non inclusiva di tutte le identità LGBTQ+, con il risultato di una comprensione ritardata della propria identità e della necessità di cercare maggiori informazioni al di fuori del contesto scolastico.

E’ possibile che i giovani LGBTQ+ scelgano di allontanarsi dalla scuola?

Si. A volte, gli adolescenti scelgono volontariamente di allontanarsi da un ambiente scolastico vissuto come dannoso, specialmente se hanno avuto a che fare con figure adulte che non hanno offerto loro esperienze di vicinanza tali da poterli far sentire rispettati, riconosciuti e inclusi nella più ampia comunità della scuola.

 

Dr. Giuliana Proietti

Seguimi su Facebook

Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Cosa si potrebbe fare per migliorare la condizione degli studenti LGBTQ+?

Le famiglie, le scuole, le istituzioni religiose e la società nel suo complesso dovrebbero lavorare insieme per creare un ambiente che sia sicuro, accogliente e rispettoso delle diverse identità sessuali e di genere. Questo può avvenire attraverso l’istituzione di politiche anti-discriminatorie, la promozione dell’educazione sulla diversità sessuale e di genere, e la creazione di spazi sicuri e inclusivi per i giovani LGBTQ+. Per affrontare queste sfide, le scuole possono implementare diverse strategie, in modo da creare un ambiente di apprendimento più inclusivo e solidale. Ad esempio:

  1. Curriculum inclusivo : incorporare la storia, le figure e i temi LGBTQ+ nel curriculum può aiutare a promuovere la comprensione e l’accettazione. Questo approccio può anche fornire agli studenti LGBTQ+ modelli positivi e un senso di appartenenza.
  2. Spazi sicuri : la creazione di spazi sicuri, come club LGBTQ+ o gruppi di supporto, può offrire agli studenti un luogo in cui connettersi con coetanei che condividono le loro esperienze. Questi spazi possono anche fornire risorse e guida agli studenti che esplorano la propria identità.
  3. Sviluppo professionale : fornire formazione agli insegnanti sulle questioni LGBTQ+ può aiutarli a comprendere meglio le difficoltà che i loro studenti devono affrontare e fornire loro gli strumenti per creare un ambiente scolastico più inclusivo.
  4. Politiche antibullismo : l’implementazione di forti politiche antibullismo che affrontino specificamente le molestie basate sulla comunità LGBTQ+ può contribuire a creare un ambiente scolastico più sicuro per tutti gli studenti.
  5. Servizi di supporto agli studenti : offrire consulenza e servizi psicologici su misura per le esigenze degli studenti LGBTQ+ può aiutare ad affrontare le esperienze avverse che devono affrontare e fornire loro il supporto di cui hanno bisogno per avere successo a livello scolastico.

Dr. Giuliana Proietti

Giuliana Proietti Terapia di CoppiaDr. Giuliana Proietti
TERAPIA DI COPPIA
A un click da casa tua!
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Immagine

Image by Mircea Iancu from Pixabay
Fonte principale:
A Clash of Sexual Gender Norms and Understandings: A Qualitative Study of Homosexual, Bisexual, Transgender, and Queer Adolescents’ Experiences in Junior High Schools, di  pubblicata 11-09-2021, https://doi.org/10.1177/07435584211043290

Prima volta su Clinica della Timidezza?

Il nostro sito si occupa del benessere delle persone timide e ansiose
Costo della Terapia online: 70 euro, individuale e di coppia

Servizio TG5 dedicato a Clinica della Timidezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram