Prestazione scolastica: il costo dell’ansia

Terapie online Dr. Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949
Psicoterapeuta Sessuologa

Bonus PsicologoUltimo Aggiornamento: Nov 16, 2022 @ 16:43

Quanto incide l’ansia nella prestazione scolastica?

Moltissimo, anche se l’ansia produce spesso dei costi nascosti che non appaiono nella realizzazione del compito. L’ansia potrebbe non essere notata o essere confusa con mal di stomaco, capricci, ADHD o persino disturbi dell’apprendimento.

Quali sono i tipi di ansia legati alla scuola?

Ci sono diversi tipi di ansia che potrebbero emergere a scuola. I ragazzi potrebbero essere preoccupati per tutto, dalla separazione dai genitori all’abbandono, al parlare in classe, alla sensazione che la loro prestazione scolastica non sia perfetta.



Guarda tutti i papers e i video dei nostri Convegni e Webinar

Convegni e Webinar

Quali sono gli effetti negativi dell’ansia a scuola?

Molti degli effetti negativi dell’ansia a scuola sembrano causati dalle difficoltà nel controllare l’attenzione.

Come si può imparare a controllare meglio l’attenzione?

Occorre un addestramento a delle specifiche tecniche, come ad esempio l’abilità a rimanere concentrati, ignorando le distrazioni e a spostando l’attenzione da un compito ad un altro.

A24

Lo studio può causare ansia?

Leggi anche:  Timidezza ed autostima si influenzano reciprocamente

È abbastanza comune che gli studenti si sentano ansiosi quando studiano per una interrogazione o un esame importante. Sebbene la causa esatta di questa ansia sia difficile da definire, una teoria è che la mente stia rispondendo in modo errato alla paura: invece di reagire normalmente alla pressione dello studio, potrebbe attivare il corpo nella modalità “lotta o fuga”, il che è del tutto inutile e controproducente per l’apprendimento e la memoria.

Come ridurre l’ansia durante lo studio ?

In primis organizzare il tempo dello studio: lavorare troppo a lungo può rendere più difficile la concentrazione. È più efficace suddividere i compiti in blocchi di 30 minuti con una breve pausa in mezzo, in modo da potersi distrarre prima di riprendere la concentrazione.

Come ridurre l’ansia durante una interrogazione o durante un esame?

Se ci si sente in ansia prima di una interrogazione o un esame la prima cosa da fare è controllare il respiro. Inspirare attraverso il naso per quattro secondi, trattenere il respiro per due secondi ed espirare per sei secondi. Questo può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca e ridurre i livelli di ormoni dello stress nel sangue.

Un altro suggerimento è quello di avere un dialogo interiore positivo:  usare un mantra o una frase rilassante per mantenersi rilassati. Ripetere qualcosa come “Sono completamente calmo/a e rilassato/a” può aiutare a tenere sotto controllo i sintomi.

Se i suggerimenti di auto-aiuto di cui sopra non aiutano nella gestione dei sintomi di ansia, è una buona idea fare una chiacchierata con un professionista.

Uno studente ansioso può raggiungere gli standard dello studente non ansioso?

Sicuramente, ma con costi molto maggiori, in termini di fatica e di stress.

Gli insegnanti dovrebbero tener conto di questi sforzi?

Si. Gli insegnanti dovrebbero valutare non solo la prestazione scolastica, ma anche la quantità degli sforzi che uno studente ha dovuto mettere in campo per raggiungere i suoi risultati, specialmente se parliamo delle scuole elementari e medie.

 

Dr. Giuliana Proietti

 

Giuliana Proietti

Seguimi su Twitter

twitter cdt

Immagine
Unsplash

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Facebook
Facebook
YouTube
YouTube
Instagram