I traumi dell’infanzia sono anche indiretti

traumi dell'infanzia

I traumi dell’infanzia sono di molti tipi. I bambini e gli adolescenti possono ammalarsi del disturbo post traumatico da stress anche quando non vivono un evento traumatico in prima persona. Uno studio norvegese, condotto presso la Uni Research di Bergen, mostra che l’attacco terroristico subito il 22 Luglio 2011 ha influenzato la salute di molti ragazzi norvegesi: anche se non avevano assistito in prima persona agli attacchi e anche se non conoscevano alcun parente o amico di una delle 77 vittime. Questo accade perché i bambini o i ragazzi che…

Continua

Bambini: per farsi nuovi amici conta il rapporto con i genitori

mamma e bambino

Secondo un nuovo studio dell’Università dell’ Illinois, pubblicato su Developmental Psychology, i bambini che hanno legami più saldi con i propri genitori riescono meglio ad adattarsi agli altri bambini. Un bambino che ha sperimentato una relazione di attaccamento sicuro con i genitori entra infatti in una nuova relazione affettiva con un suo pari con aspettative positive. Nello studio, i ricercatori hanno valutato le relazioni di attaccamento madre-bambino su 114 bambini di 33 mesi, chiedendo alle mamme informazioni sul temperamento del loro bambino, compresa la predisposizione alla rabbia e alla fobia…

Continua

Malattia, salute e benessere

salute e benessere

Nella storia umana, per raggiungere e mantenere lo stato di salute delle persone sono stati usati vari mezzi, fra i quali: arti magiche, alchimie, digiuno, preghiere… Presso ogni popolo e in tutte le culture, la salute è sempre stata considerata un bene prezioso, da difendere e da propiziare. Oggi, per definire la salute, si ricorre alla definizione dell’OMS (1961): La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o infermità. Molti critici ritengono che questa definizione abbia poco a che…

Continua

I bambini piccoli sono razzisti?

razzisti

I bambini piccoli possono essere razzisti? Circa un paio di anni fa, una ricercatrice dell’Università di Washington che si occupa dello sviluppo dei comportamenti sociali nei bambini (es. gentilezza e generosità) notò qualcosa di strano: a 15 mesi di età i bambini sembravano più inclini a condividere i giocattoli o a rapportarsi con alcuni ricercatori rispetto ad altri. Jessica Sommerville, docente associato di psicologia, decise dunque di cercare di comprendere le ragioni di questo comportamento, che escludevano delle qualità soggettive del ricercatore (esempio gradevolezza fisica o simpatia), poiché questi aspetti…

Continua

Marijuana terapeutica e criminalità

marijuana terapeutica

Una nuova ricerca suggerisce che la legalizzazione della marijuana medica non comporta il rischio di un aumento della criminalità. Il Dr. Robert Morris, docente presso l’ Università del Texas a Dallas e autore del nuovo studio, ha affermato che i dati preliminari della ricerca fanno semmai pensare al contrario, dal momento che vi è qualche evidenza sul possibile calo di omicidi e di episodi di violenza nei soggetti trattati. “Siamo cauti nel dire che le leggi sulla liberalizzazione della marijuana terapeutica sicuramente riducono il tasso di omicidi“: i ricercatori tengono…

Continua

Psicologia e recitazione

sipario

Per molti attori che recitano ruoli impegnativi, calarsi pienamente nella psicologia, negli atteggiamenti e nei comportamenti di un personaggio immaginario può essere gratificante, ma a volte anche pericoloso per la propria stabilità emotiva. L’idea che vi siano conseguenze psicologiche a seguito di una buona recitazione non è nuovissima, tanto che si è perfino ipotizzato che certe morti improvvise di attori di talento alle prese con ruoli difficili siano dovute ad uno scavare ” troppo profondo ” in sé stessi, così come nel proprio personaggio. Thalia Goldstein, assistente di psicologia presso…

Continua

E’ giusto litigare davanti ai bambini?

famiglia

E’ giusto litigare davanti ai bambini? La maggior parte degli psicologi direbbe certamente di no, anche perché in tale direzione sono andati anni e anni di studi e ricerche sull’argomento. Ultimamente però si sentono anche voci discordanti: c’è infatti chi pensa di poter insegnare ai figli come litigare. Anche l’arte del litigio insomma dovrebbe essere insegnata e appresa. E da chi, se non dai propri genitori? Se i genitori sanno litigare in modo sano, almeno così la pensa Patrick Davies , professore di psicologia presso l’Università di Rochester, i figli…

Continua